rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Incidenti stradali Santarcangelo di Romagna

Stroncato da un malore in autostrada. Le Giacche Verdi sconvolte: "Il tuo entusiasmo ci aveva contagiati"

La disgrazia nel giorno di Pasquetta lungo l'autostrada A14. Il toccante ricordo degli amici dell'associazione con cui condivideva la passione per i cavalli: "Eri un amico che ci ha sempre teso la mano"

“Una disgrazia, un amico che era entrato da poco nel gruppo con un entusiasmo che avrebbe fatto invidia ai veterani”. Così il gruppo Giacche Verdi, associazione Nazionale gruppo provinciale Valle del Rubicone, ricorda Massimiliano Alessi, il 48enne originario di Santarcangelo di Romagna deceduto nella mattinata di Pasquetta a seguito di un malore sull’autostrada A14, mentre era alla guida della sua Jeep Renegade che è poi andata a sbattere su un cordolo lungo la corsia di emergenza, subito fuori dalla galleria Scacciano, tra Riccione e Cattolica.

Massimiliano aveva una grande passione per i cavalli. Doveva essere una Pasquetta in allegria, proprio con un trekking in programma a Pesaro, l’uomo viaggiava con al seguito il rimorchio del suo cavallo, che si è salvato nell’incidente. “Ti sei spento mentre stavi andando, sicuramente con indosso il tuo giubbotto Giacche Verdi che portavi con orgoglio – è il tenero messaggio degli amici -, con il tuo cavallo ad un trekking tra amici. Ti ricorderemo sempre come un ragazzo che portava il sorriso anche quando era difficile, un amico che ci ha sempre teso la mano. Ciao Massi ci mancherai tantissimo”.

Tanti gli amici che hanno voluto lanciare un messaggio di vicinanza, attraverso i social network. Così Enrico: “Ciao amico mio, non ho parole per quello che è successo. Ci eravamo promessi un giro a cavallo insieme come facevamo qualche anno fa. Sei sempre stata una bella persona. Arrivederci amico mio”. E ancora Simona: “Ciao Massi e dire che sono passata da lì: chi poteva immaginarlo. Ogni parola è superflua in circostanze del genere. Un grande abbraccio a Silvia, Beatrice, ai tuoi genitori e alla mia cara Arianna. Che la terra ti sia lieve”.

Sul posto dell’incidente sono intervenuti il 118 con ambulanza, automedica, ed elicottero, ma vani sono stati i tentativi di rianimarlo. L’uomo è deceduto poco dopo, a due passi da dove è avvenuto l’incidente. Il primo a intervenire è stato un amico, che si stava recando a Pesaro e ha riconosciuto l’automobile lungo l’autostrada.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncato da un malore in autostrada. Le Giacche Verdi sconvolte: "Il tuo entusiasmo ci aveva contagiati"

RiminiToday è in caricamento