menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mortale in A14, i volontari piangono la scomparsa degli angeli dei quattrozampe

Le lacrime degli animalisti per Elisabetta Barbieri e Federico Tonin deceduti per regalare a cani e gatti una vita migliore

Sgomento e dolore tra gli animalisti di Capitata e dell'intera Puglia per la morte di Elisabetta Barbieri, 63enne volontaria e 'staffettista' residente a Rho, che ha più volte collaborato con l'Enpa San Severo, che insieme al 47enne Federico Tonin ha perso la vita all'alba di domenica, in un incidente stradale in A14, mentre trasferivano dei cani al nord Italia. Da tutti conosciuta come "Betty", nel corso degli anni si era resa disponibile varie volte a trasferire i cuccioli o i trovatelli dal meridione al nord italia dove ad attenderli c'era una nova famiglia che li avrebbe ricoperti di coccole.

“Ciao Elisabetta, il tuo impegno ha fatto la differenza. Mancherai a tutti noi!”, spiegano dall'Enpa. Era una vera amante degli animali nota a tutto il mondo animalista per il suo impegno nelle staffette di animali da adottare. L'Ente Nazionale Protezione Animali esprime il proprio lutto per questa immensa perdita.

“Il suo ero un impegno sincero, costante e disinteressato. Ha collaborato con noi - spiega la presidente nazionale Carla Rocchi - in tantissime occasioni, e con tantissime Sezioni. Sono centinaia gli animali che oggi hanno iniziato una nuova vita anche grazie a lei. Il suo impegno ha fatto la differenza ed un esempio per tutti noi. Ci mancherai Elisabetta. La nostra Associazione ti ricorderà sempre con immensa gratitudine”.

"Betty, vivrai per sempre. Grazie per aver dedicato la tua vita a loro", scrivono dalla sezione Enpa di San Severo. Centinaia di messaggi di cordoglio sui social, in tanti ricordano la staffettista che ha dato una seconda vita a tanti amici a quattrozampe.

Una passione, quella della Barbieri, condivida con Federico Tonin in quello che è stato il loro ultimo viaggio per regalare una vita migliore agli animali che tanto amavano. Il 47enne, anche lui residente nell'hinterland milanese, abitava ad Arconate dove l’Amministrazione Comunale ha appreso con grande dolore della tragica scomparsa. "Federico - lo ricorda il Comune - era un uomo solare e pieno di energie. Ci rimarranno nel cuore la sua ironia, la sua vitalità e la grande generosità. La sua morte ci lascia attoniti e sgomenti. L’Amministrazione porge al fratello Gabriele e alla moglie, a tutta la sua famiglia, ai suoi amici, ai suoi conoscenti e a tutti coloro che gli hanno voluto bene le più sentite e commosse condoglianze. Ciao Federico, riposa in pace".

"Avvenimenti come questo - ha dichiarato Michela Vittoria Brambilla - ci lasciano senza parole e ci ricordano con quanta generosità chi ama davvero gli animali si prodiga per salvarli. Le mie più sincere condoglianze alla famiglia e a tutti coloro che hanno avuto il dono di conoscere Elisabetta". 

Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa: “Tutto il mondo animalista è straziato da questa enorme tragedia. L’impegno di Elisabetta Barbieri ed il suo staff è sempre stato sincero, costante, mettendo al primo posto il benessere degli animali. Troppo spesso si dimentica il ruolo fondamentale di persone che come Elisabetta trasportano ogni giorno animali per portarli a centinaia di chilometri per dargli la possibilità di iniziare una nuova vita.  Elisabetta e il suo staff hanno collaborato con l’Enpa in moltissime occasioni, aiutando le nostre Sezioni. Sono centinaia gli animali che oggi vivono felici nelle loro nuove famiglie anche grazie a lei. Il suo impegno ha fatto la differenza. Ci mancherai Elisabetta. La nostra Associazione ti ricorderà sempre con immensa gratitudine”. Sul posto sono intervenuti i volontari e le Guardie Zoofile dell’Enpa di Pesaro in supporto alla ASL. Gli animali sono tutti in salvo, tranne un cucciolo di pastore tedesco che purtroppo è morto, probabilmente sul colpo. I gatti sono già ripartiti alla volta di Bologna e arriveranno a breve. Mentre un camionista spagnolo (Jon Juaregi Transportes) si è offerto di portare i cani in direzione di Milano. L’uomo non ha voluto alcun compenso. “In questi momenti di estremo dolore è importante vedere come la solidarietà e l’empatia riescano a cancellare ogni barriera. Grazie a tutte le persone che in queste ore si stanno adoperando in questa difficile situazione”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Alla scoperta dei luoghi della fede: il viaggio è anche online

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento