Ingoia dieci ovuli di eroina, corriere della droga inchiodato dalla radiografia

L'uomo aveva ingerito oltre 110 grammi di droga ed era diretto a Rimini

Gli agenti hanno subito notato i suoi comportamenti strani. E i sospetti delle forze dell'ordine si sono tarsformati in pochi minuti in certezza. A finire in manette l'altra sera è stato un corriere di droga in viaggio verso Rimini, arrestato dalla Polizia Ferroviaria di Bologna. L'uomo, O.J., 37 anni, cittadino nigeriano, era stato notato mentre cercava di prendere un treno al binario 11 della stazione, diretto a Rimini. I poliziotti hanno intercettato il 37enne durante una attività di controllo in concomitanza con l'afflusso di persone previste per il concerto di Jovanotti nel capoluogo riminese.

L’uomo, con precedenti di Polizia, è stato trattenuto per accertamenti, che in un primo momento senza riscontri. Poi, di fronte alle richieste insistenti di utilizzare i servizi, gli agenti hanno iniziato a sospettare qualcosa. E' stato informato quindi il magistrato di turno, che ha disposto il ricovero al Sant'Orsola con conseguenti radiografie. Qui la scoperta: dieci ovuli contenenti in totale 110 grammi di eroina. Una volta espletate le cure mediche del caso, il 37enne è stato portato in carcere.

Potrebbe interessarti

  • "L'ingresso della città tra incuria, degrado e inciviltà"

  • Bagno in mare dopo mangiato: quanto aspettare?

  • Alternative al Caffè: 9 sostitutivi energizzanti e salutari

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Le 'polpette di mammà' come a casa: la prima polpetteria della Romagna apre a Rimini

  • Fioritura di alghe, il mare di Rimini si tinge di rosso

  • Tremendo frontale, due feriti in gravi condizioni dopo lo schianto

  • Torna in mare il "Brilla&Billy", lo yacht di Lucio Dalla per anni in darsena a Rimini

  • Autovelox sulla SS16, il comune di Bellaria mette il "punto" sui limiti di velocità

  • Maturità 2019, tutti i diplomati del liceo scientifico Einstein: tanti i "bravissimi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento