menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inseguimento con spari, trovato il fuggitivo

Individuato il protagonista del "film poliziesco" andato di scena nel cuore della nottata tra domenica e lunedì a Rimini. Si tratta di un 43enne di Pescara, che ora dovrà rispondere dell'accusa di resistenza a pubblico ufficiale e tentato omicidio

Individuato il protagonista del “film poliziesco” andato di scena nel cuore della nottata tra domenica e lunedì a Rimini. Si tratta di un 43enne di Pescara, con precedenti per reati contro la persona e il patrimonio, che ora dovrà rispondere dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e tentato omicidio. L’uomo, durante un inseguimento, aveva cercato di sparare contro un agente, che ha sparato tre colpi di pistola mirando alle ruote, uno dei quali finito contro la carrozzeria.

I FATTI - Tutto ha avuto inizio poco prima delle 3 quando un coppia che passeggiava lungo via Giuliani ha chiesto l’intervento della Polizia perché intimorita dalla losca presenza di una “Alfa 147” che li seguiva con i fari abbaglianti. Sul posto è intervenuta la Volante per identificare l’automobilista, ma quest’ultimo ha schiacciato il piede sull’acceleratore dandosi alla fuga.

L’INSEGUIMENTOE’ scattato così un inseguimento, con l’Alfa che ha provato a seminare la pattuglia a tutta velocità passando per via Tripoli, Piazzale Croce, viale Regina Margherita e via Rapallo dove, dopo circa un quarto d’ora, la Volante ha bloccato l'auto grazie ad uno speronamento. L’automobilista, con capelli di media lunghezza, è riuscito a ripartire, puntando ad uno degli agenti che era sceso dall'auto.

COLPI DI PISTOLA – Per non esser investito dall’Alfa, il poliziotto ha sparato tre colpi di pistola mirando alle ruote. Due colpi sono andati a vuoto, mentre il terzo ha colpito la carrozzeria. L’individuo è riuscito a dileguarsi.

LE INDAGINI - Le indagini hanno permesso di ritrovare la vettura in via Raffaele Adimari. I poliziotti sono risaliti ad un autosalone di Bergamo, il cui titolare ha consentito di risalire all’identità del proprietario. Era infatti in corso il passaggio di proprietà dell’auto ad una abruzzese, la cui sorella, domiciliata a Rimini, acquirente dell’Alfa, ma con la patente sospesa, è la fidanzata del 43enne che è stato così identificato e segnalato all’autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento