menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Interrogato a Como il killer del Rio Agina, uccise Nimet Zyberi con 7 colpi

L'albanese Paulin Nikaj, rientrato in Italia dopo essere stato estradato dalla Svizzera, è apparso molto provato ma non ha voluto rilasciare dichiarazioni

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Paulin Nikaj, il 35enne albanese accusato di aver freddato con 7 colpi di pistola il connazionale Nimet Zyeberi nel parcheggio del Conad "Rio Agina" di Misano. Interrogato venerdì mattina nel carcere di Como, assistito dall'avvocato Nicolò Durzi, l'albanese è apparso molto provato e in lacrime ma ha preferito non parlare col gip comasco scegliendo il silenzio in attesa di ritornare a Rimini e incontrarsi col magistrato competente la prossima settimana. Nikaj, subito dopo l'omicidio, era fuggito da Misano per rifugiarsi, prima, da alcuni parenti in Umbria che, a loro volta, avrebbero poi organizzato la latitanza dell'albanese in Lombardia e, poi, in Svizzera. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, dalla Confederazione Elvetica Nikaj sarebbe poi dovuto fuggire negli Stati Uniti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arco d’Augusto, storia di uno dei simboli di Rimini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento