Cronaca

Intitolata a Don Oreste Benzi la casa del custode comunale trasformata in casa famiglia

Una cerimonia alla quale hanno partecipato il Vescovo di Rimini Mons. Francesco Lambiasi, il sindaco Renata Tosi, i sacerdoti della zona pastorale e i rappresentanti della Comunità Papa Giovanni

“Ogni passo in avanti per i deboli, per gli ultimi, è un passo in avanti per tutta l’umanità”. Con questa frase incisa sulla targa affissa alla casa del custode adiacente alla Residenza Comunale, l’Amministrazione Comunale ha voluto onorare il fondatore dell’Associazione Papa Giovanni XXIII, Don Oreste Benzi. Una cerimonia alla quale hanno partecipato il Vescovo di Rimini Mons. Francesco Lambiasi, il sindaco Renata Tosi, i sacerdoti della zona pastorale e i rappresentanti della Comunità Papa Giovanni. Da stamane la casa del custode è intitolata ufficialmente al sacerdote, fondatore nel 1968 della Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII  e che dal 2009 gestisce, in comodato gratuito, su iniziativa delle amministrazioni precedenti l’uso dello stabile. Lo scorso 25 marzo la Giunta Comunale ha rinnovato la convenzione con l’associazione, della durata di 4 anni, per la gestione di varie attività di accoglienza di minori o disagio sociale o forme di affido temporaneo. Una casa famiglia, luogo di accoglienza e ascolto di tante situazioni di bisogno del territorio.

Un piccolo- grande luogo di diffusione della cultura della condivisione con i più poveri, da sempre cara a Don Oreste. A pochi mesi dal decennale della sua scomparsa, Don Oreste è nato il 7 settembre 1925 – morto il 2 novembre 2007 e a cinquant’anni dalla fondazione della Comunità, l’amministrazione ha appositamente individuato un luogo simbolo dell’accoglienza che fosse, non solo una semplice targa o cartello, ma un luogo fisico, reale come la casa del custode comunale e che testimoniasse, come accade ogni giorno, l’azione inarrestabile di don Oreste al dialogo e all’aiuto profondo verso gli ultimi.

“Don Oreste continua a parlare”, ha esordito nel suo saluto introduttivo Monsignor Lambiasi facendo inoltre riferimento alla frase di Don Tonino Bello: “Non dobbiamo più avere i segni del potere, ma il potere dei segni". Per il sindaco Renata Tosi “ Don Oreste con la fondazione della Comunità Papa Giovanni XXIII e l’inarrestabile tenacia nel condurre battaglie a favore dei poveri, dei senzatetto e dei più deboli, ha piantato un seme che oggi ha dato grandi frutti. Non solo nella presenza capillare in varie parti del mondo del suo progetto associativo ma anche nel desiderio di chi amministra di cercarlo nei nostri cuori e nelle nostre menti.  La casa del custode a fianco del Comune, frequentato quotidianamente dai cittadini, testimonia concretamente la presenza e il messaggio di amore, fede e volontà combattiva di aiuto e dell’altro. Un messaggio che,a distanza di anni dalla sua scomparsa, spero possa arrivare dentro ognuno di noi, un luogo fisico che già sprigiona il suo indimenticato sorriso”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intitolata a Don Oreste Benzi la casa del custode comunale trasformata in casa famiglia

RiminiToday è in caricamento