rotate-mobile
Cronaca Santarcangelo di Romagna

“Io non rischio”: a Santarcangelo l’iniziativa sulle buone pratiche di Protezione civile

Nel corso della giornata, dedicata ai tre Comuni della bassa Valmarecchia, i volontari forniranno alla cittadinanza informazioni sui rischi che interessano il territorio e sulle buone pratiche da adottare in caso di alluvioni e terremoti

La campagna nazionale di Protezione civile “Io non rischio” torna a Santarcangelo: sabato 15 ottobre in piazza Ganganelli, infatti, dalle 9 alle 18 sarà presente uno stand dell’associazione di volontariato Protezione civile valle del Marecchia. Nel corso della giornata, dedicata ai tre Comuni della bassa Valmarecchia, i volontari forniranno alla cittadinanza informazioni sui rischi che interessano il territorio e sulle buone pratiche da adottare in caso di alluvioni e terremoti, distribuiranno i materiali della campagna di comunicazione e daranno vita ad alcune dimostrazioni per i presenti.
 
L’Italia è un Paese esposto a molti rischi naturali, ma i pericoli che ne derivano possono essere sensibilmente ridotti attraverso la conoscenza del problema, la consapevolezza delle possibili conseguenze e l’adozione di alcuni semplici accorgimenti. La dodicesima edizione di “Io non rischio” – insignita dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, della “Medaglia del Presidente della Repubblica” – si svolgerà sabato 15 e domenica 16 ottobre in circa 600 Comuni di tutta Italia, con protagonisti i volontari di oltre 700 organizzazioni di Protezione civile. L'edizione 2022 prenderà il via con una diretta streaming trasmessa sabato 15 ottobre sui canali social del Dipartimento della Protezione civile, ma la campagna di comunicazione “Io non rischio” è permanente e prosegue per tutto l'anno sul web e attraverso il coinvolgimento dei volontari in tutta Italia.

 
“La Protezione civile è tra le funzioni più importanti conferite all’Unione di Comuni Valmarecchia” afferma la presidente dell’Unione con delega alla Protezione civile, Stefania Sabba. “Anche quest’anno saremo in piazza con la campagna ‘Io non rischio’ per sostenere lo straordinario impegno dei nostri volontari e diffondere tra i cittadini la consapevolezza di quanto sia importante sapere come comportarsi in occasione di eventi climatici estremi, ormai sempre più frequenti anche nel nostro Paese. Come amministratori locali – conclude Sabba – siamo al lavoro ogni giorno per la sicurezza del territorio e per garantire alla Protezione civile di poter operare con efficacia e adeguatezza di mezzi in caso di necessità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Io non rischio”: a Santarcangelo l’iniziativa sulle buone pratiche di Protezione civile

RiminiToday è in caricamento