Jago non perdona, il pastore tedesco inchioda uno spacciatore di 24 anni

Con l’aiuto del fiuto di “Jago”,  cane poliziotto del Reparto cinofili della Polizia di Stato di Bologna,  gli agenti hanno subito bloccato in sicurezza lo spacciatore  sulla parte buia della cabina in muratura

Proseguono, da parte della Polizia di Stato, i controlli finalizzati a prevenire e a contrastare fenomeni di degrado urbano, a verificare l’osservanza da parte di cittadini stranieri del rispetto della vigente normativa inerente l’ingresso e la permanenza sul territorio nazionale, i reati contro la il patrimonio, nonché lo spaccio di sostanze stupefacenti.  L’attività del personale delle Volanti e del Reparto cinofili della Polizia di Stato di Bologna, si è concentrata nella serata di ieri nei pressi del lungomare, dove è già stata avviata un’attenta attività di monitoraggio da parte degli agenti. Nell’ambito di uno specifico servizio finalizzato a contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti, infatti, nella serata di ieri, nelle vicinanze di un noto locale da ballo, gli agenti hanno notato una persona che sul marciapiede avvicinava gli avventori del locale proferendo più volte a voce alta testuali parole: “Bamba, bamba“. 

Quella persona, da quanto ricostruito dall'attività di controllo e pedinamento, aveva infatti avuto un cliente: un giovane che si era reso disponibile all'acquisto della droga, in particolare marijuana, giovane poi segnalato amministrativamente. Quel giovane infatti aveva infatti deciso di acquistare una dose di “maria” e come da un modus operandi oramai consolidato, lo spacciatore nigeriano ha invitato l'acquirente a recarsi in un posto più isolato lontano dagli occhi indiscreti e lo ha scortato all'interno dello stabilimento balneare lì vicino, all'inizio della zona buia, dove si doveva perfezionare lo scambio. Per gli agenti è stato quindi facile “chiudere il cerchio”. 

Con l’aiuto del fiuto di “Jago”,  cane poliziotto del Reparto cinofili della Polizia di Stato di Bologna,  gli agenti hanno subito bloccato in sicurezza lo spacciatore  sulla parte buia della cabina in muratura del bagnino, lato mare, senza dargli possibilità di muoversi, dopo che a breve distanza, il cane aveva già fiutato immediatamente la sostanza stupefacente addosso al presunto spacciatore nigeriano.

Il pastore tedesco in divisa, sempre al guinzaglio del suo conduttore, grazie al suo olfatto, ha fiutato la presenza di stupefacente all'interno degli slip del nigeriano, la presenza di sostanza stupefacente: nonostante gli inviti rivolti a mostrare tutto quello che era stato occultato,  l’uomo si è rifiutato di collaborare. E poiché il cane poliziotto non desisteva dall'indicare la parte intima del giovane nigeriano, i poliziotti hanno quindi deciso di effettuare più approfonditi controlli: invitato a effettuare dei movimenti con le gambe, grazie a un leggero sforzo, l’uomo ha fatto fuoriuscire, un involucro di cellophane di colore nero, che veniva recuperato e posto sotto sequestro, all'interno del quale i poliziotti hanno accertato la presenza di  numerosi fiori "singoli" di sostanza stupefacente per un peso complessivo di diversi grammi.
L’uomo pertanto veniva condotto presso gli Uffici della Questura, dove l’uomo è stato arrestato per possesso di droga ai fini di spaccio, reato per il quale è stato giudicato in mattinata con rito direttissimo e condannato a otto mesi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

Torna su
RiminiToday è in caricamento