menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Kristian Gianfreda entra tra i "Paperoni" del Consiglio comunale di Rimini

Pubblicati i redditi dei politici di palazzo Garampi, Marcello il più ricco mentre Piscaglia si aggiudica il terzo posto. Il più “povero” è Luca Pasini (Futura)

Sono stati pubblicati sul sito del Comune di Rimini i beni degli amministratori della città e, ad aggiudicarsi il titolo di "Paperone" di palazzo Garampi è il consigliere Nicola Marcello (FI) con 323.334 euro; segue la new entry Kristian Gianfreda (Rimini Attiva) con 108.974 euro mentre al terzo gradino si piazza l'assessore alla Cultura Giampiero Piscaglia con 105.061 euro. Spulciando tra le dichiarazioni dei redditi, il primo cittadino Andrea Gnassi con poco più di 73mila euro manca il podio seguito da Eugenia Rossi di Schio (docente all’università di Bologna) che dichiara 72.560 euro mentre la collega Anna Montini (docente e ricercatrice nell’Ateneo bolognese) dichiara 62.891 euro. Rimanendo in giunta l'unica a superare i 50mila euro è il vicesindaco Gloria Lisi con 55.665 mentre gli altri assessori sono tutti ricompresi nella fascia tra i 41 e i 43mila euro così come la presidente del consiglio comunale Sara Donati (41.887).

Passando ai consiglieri, nel gruppo del Partito Democratico svetta la product manager e docente Lucilla Frisoni con 55.464 di reddito complessivo. Nel gruppo Patto Civico – Italia Viva il paperone è il chimico Marco Zamagni con poco meno di 78mila euro. Tra i banchi della minoranza il consigliere della Lega Davide Manfroni, di professione medico chirurgo, con poco più di 88mila e l’altro consigliere di FdI Gioenzo Renzi (pensionato dopo una lunga carriera in banca) con  60.495. Gennaro Mauro, professione funzionario di vigilanza, si ferma a 51.741 euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento