L'accoltellatore di via Bassi: "Lui mi ha aggredito e io mi sono solo difeso"

Interrogatorio di garanzia per l'operaio tunisino 47enne accusato dell'omicidio di un marocchino nello stabile abbandonato

Si è svolto nella mattinata di lunedì l'interrogatorio di garanzia per Nefzi Imed, il 47enne tunisino accusato di essere l'autore dell'omicidio di Anis Dhaher, il marocchino 37enne ritrovato agonizzate in uno stabile abbandonato di via Bassi e poi deceduto dopo 5 giorni di agonia in ospedale. Il nordafricano, dopo 4 giorni di latitanza, si era presentato spontaneamente alla polizia di Stato per ammettere le proprie responsabilità ed era stato denunciato a piede libero per lesioni. Il giorno successivo, tuttavia, le condizioni del 37enne erano peggiorate in maniera sensibile tanto che era poi spirato senza mai riprendere conoscenza. Difeso dall'avvocato Ninfa Renzini, Imed ha spiegato al gip di come era andato nello stabile abbandonato di via Bassi dove Dhaher si era installato guadagnandosi da vivere spacciando. La vittima, che secondo l'accusato era in preda a una forte agitazione dovuta all'assunzione di stupefacenti, era diventata improvvisamente aggressiva e pretendeva l'immediato pagamento di un debito di 100 euro per precedenti cessioni di droga. "Lui mi ha aggredito e io mi sono solo difeso", ha spiegato il 47enne che, dopo averlo ferito con un coltello all'addome, era poi scappato facendo perdere le proprie tracce.

L'arma del delitto, tuttavia, non è mai stata ritrovata e, sotto la lente d'ingrandimento, c'è anche la dinamica dei primi soccorsi prestati al 37enne. Il nordafricano, infatti, non appariva così grave tanto da aver scambiato alcune parole coi sanitari e con gli inquirenti della polizia di Stato. Portato in ospedale, Dhaher era stato suturato una prima volta per poi essere sottoposto a un inervento chirurgico dal quale, però, non si è mai risvegliato. Il pubblico ministero che indaga sull'omicidio, Davide Ercolani, ha disposto anche il sequestro della cartella clinica del marocchino per escludere una sottovalutazione del caso da parte dei medici dell'Infermi e, allo stesso tempo, incaricato il medico legale Donatella Fedeli per effettuare l'autopsia e determinare la gravità del fendente che ha raggiunto il 37enne all'addome.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento