rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Cronaca Marina Centro / Viale Giuseppe Giusti

L'accoltellatore si difende: "Ho agito per difesa, mi avevano preso a sprangate"

Interrogatorio di garanzia per il 30enne albanese arrestato dopo aver ferito un 38enne nel corso di un'animata lite all'alba di venerdì

Si è svolto nella mattinata di lunedì l'interrogatorio di garanzia dell'albanese 30enne che, all'alba di venerdì, ha accoltellato un 38enne lungo le strade della Rimini balneare ferendolo gravemente. L'uomo, davanti al gip e difeso dall'avvocato Umberto De Gregorio, ha ricostruito minuziosamente la vicenda svelando gli antefatti del parapiglia che ha portato il ferito ad essere trasportato d'urgenza al pronto soccorso dell'Infermi dopo che i fendenti lo avevano raggiunto al braccio e all'addome sfiorando il fegato. L'aggressore ha spiegato come, intorno alle 6, fosse scoppiato un alterco tra lui e altri due individui che si trovavano in un bar all'incrocio tra le vie regina Elena e Giusti in seguito a degli schiamazzi notturni. Qui si sarebbe consumata una prima aggressione ai danni del 38enne che, preso a sprangate e riportando alcune lesioni, era tornato nella sua abitazione di viale Giusti dove si sarebbe armato di coltello e tornato in strada per affrontare gli avversari. Ne sarebbe quindi nato un secondo parapiglia dove, ad avere la peggio, è stato il 38enne raggiunto dalle coltellate che insieme all'amico ha avuto la forza di trascinarsi in viale regina Elena in perdendo copiosamente sangue per poi stramazzare a terra davanti all'hotel Quisisana. 

Accoltellamento all'alba

L'allarme era partito proprio da questa struttura ricettiva e, sul posto, oltre all'ambulanza del 118 erano accorsi i carabinieri che erano poi partiti alla ricerca dell'accoltellatore mentre il ferito veniva trasportato in pronto soccorso. Il 30enne era stato poi individuato dai militari dell'Arma nel nosocomio riminese dove si era presentato a sua volta per le lesioni riportate nel primo alterco. Al termine dell'interrogatorio, durato oltre un'ora, il gip ha convalidato il fermo dell'accoltellatore disponendo la misura cautelare del carcere.

Sangue a Marina Centro, i residenti: "Viviamo nel terrore, il quartiere è diventato il Bronx"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'accoltellatore si difende: "Ho agito per difesa, mi avevano preso a sprangate"

RiminiToday è in caricamento