L'aggressore si difende: 'mi stavano picchiando e ho reagito per legittima difesa'

Interrogatorio di garanzia per Daniel Binotti, il 25enne accusato del tentato omicidio avvenuto nella notte tra sabato e domenica davanti al Narciso

Si è svolto nella mattinata di martedì, nel carcere riminese dei 'Casetti', l'interrogatorio di garanzia per Daniel Binotti il 25enne di Gabicce accusato di tentato omicidio nei confronti di un 27enne aggredito, nella notte tra sabato e domenica, davanti al Narciso di Misano Adriatico. Il giovane, difesto dall'avvocato Michelina Marsilii, ha ripercorso quanto accaduto nel parcheggio nei pressi del locale raccontando al gip che, verso le 4 dopo un giro in altre discoteche della zona, è approdato a Misano insieme alla sua ragazza. Quest'ultima, nonostante l'ora, voleva fare un ultimo giro al Narciso mentre, invece, il 25enne voleva tornare a casa. E' stato a questo punto che la coppia ha iniziato a litigare mentre, dalla discoteca, sono usciti quattro ragazzi che hanno assistito alla scena e sono intervenuti in difesa della ragazza.

Binotti ha negato con fermezza di aver alzato le mani sulla fidanzata aggiungendo che, a un certo punto, lei si era allontanata per fumare una sigaretta su una panchina e che la litigata era oramai finita. Quando i quattro si erano allontanati, il 25enne ha insistito per far rimontare in auto la compagna ed è a questo punto che, secondo il suo racconto, gli altri ragazzi erano tornati alla carica e, mentre uno lo ha afferrato da dietro, gli altri hanno iniziato a pestarlo con un pugno che ha raggiunto Binotti al volto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' a questo punto che, per la paura, il 25enne ha afferrato da terra un coccio di bottiglia con il quale ha iniziato a tirare i fendenti alla cieca che hanno raggiunto il 27enne al volto, al collo e al torace. Il difensore di Binotti ha quindi chiesto gli arresti domiciliari per il suo assistito ma, il gip, si è riservato la decisione sulla sua scarcerazione. Migliorano, nel frattempo, le condizioni del ferito che, dopo il delicato intervento al quale è stato sottoposto nella mattinata di domenica, è stato dichiarato fuori pericolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento