L'Amministrazione comunale premia l’editore riminese Bruno Ghigi

“Per la sua intensa e infaticabile attività di editore e di studio degli avvenimenti della nostra terra, unita all'amore per la sua città dimostrato nelle tante pubblicazioni che ha realizzato"

“Per la sua intensa e infaticabile attività di editore e di studio degli avvenimenti della nostra terra, unita all'amore per la sua città dimostrato nelle tante pubblicazioni che ha realizzato, l'Amministrazione comunale di Rimini gli conferisce una targa che gli esprime la stima e la gratitudine, non solo dell'Amministrazione comunale, ma dell'intera Città.” E’ con queste motivazioni che l’assessore alla Cultura Massimo Pulini ha consegnato a Bruno Ghigi il riconoscimento dell’Amministrazione comunale oggi pomeriggio in occasione del Convegno internazionale “Comunità in guerra sull’Appennino. La Linea Gotica tra storia e politiche della memoria, 1944 – 2014” che, aperto quest’oggi nella Sala di Palazzo Agolanti di via Gambalunga, su concluderà sabato 22 novembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bruno Ghigi è nato a Rimini il 17 giugno 1922, ultimo di 10 figli, da Alessandro Ghigi e Caterina Rosa, entrambi contadini. Contadino lui stesso sino al 1942, poi operaio alla Caproni di Predappio, renitente alla leva repubblichina, nell'ottobre del 1944 viene assunto in qualità di impiegato dal Comune di Rimini. Studia ed ottiene il diploma di ragioniere. Nel 1954 il Commissario prefettizio lo licenzia insieme ad altri 27 dipendenti comunali. Si trova cosi' a 32 anni senza lavoro e con moglie e tre figli da accudire. Nel 1955 avvia un'attività di vendita di carta, cancelleria e sussidi didattici e inizia a pubblicare carte geografiche: lo farà per oltre 30 anni, girando tutta l'Italia per venderle. Nel 1965 vince il ricorso contro il suo licenziamento e tornò a lavorare in Comune per alcuni anni fino al raggiungimento della pensione. Nei primi anni '70 su indicazione del prof. Mario Zuffa ristampa la “Storia civile e sacra riminese” di Luigi Tonini, in 6 volumi e 9 tomi. Da questo lavoro comincia la sua attività editoriale che l'ha portato ad editare volumi di storia locale di tanti comuni della Romagna e numerose opere dedicate alla Seconda Guerra Mondiale. In particolare ha raccontato con molto scrupolo gli avvenimenti legati al passaggio del fronte nella nostra Città e alla sua liberazione che ha potuto seguire, come dice lui, da una posizione privilegiata: le alture del territorio di San Marino dove si trovava sfollato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento