rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Cattolica

L'amore per Cattolica val bene un tatuaggio per un turista ultrafedele

Gli occhi di Cubia tatuati su una spalla per ricordare l'amore per le vacanze nella città della Regina

Deve esserci per forza qualcosa di speciale, a Cattolica, altrimenti come sarebbe possibile che per 50 anni consecutivi si scelga ogni estate di tornare? E soprattutto...cosa spinge a tatuarsi su una spalla il simbolo cattolichino per eccellenza (gli Occhi di Cubia), se non un amore smisurato per la Regina? Queste dimostrazioni di fedeltà turistica appartengono a Bernard Achour che da 50 anni passa al Major le sue ferie estive. Bernard è un giornalista di cinema e conduce un'importante trasmissione radiofonica per una nota emittente francese. La prima volta che ha messo piede in città aveva solo 5 anni ed era con i suoi genitori. Soggiornava già all'Hotel Major. Successivamente, ogni anno ha continuato a scegliere il Major per le ferie, prima con la famiglia, poi da solo. Ogni estate passa ben due mesi e mezzo a Cattolica e questa mattina è stato ricevuto insieme ad un folto gruppo di familiari in Sala Giunta dal Sindaco Mariano Gennari e dal titolare del Major Fabrizio Ferretti che hanno voluto omaggiare questo speciale turista innamorato di Cattolica e del Mystfest. Da critico cinematografico, Bernard segue con molto interesse il festival del noir cattolichino: “Il prossimo anno ci aiuterai a rilanciare l'evento!” - ha proposto il Sindaco Gennari al Sig. Achour che ha risposto con un “batti il 5”!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'amore per Cattolica val bene un tatuaggio per un turista ultrafedele

RiminiToday è in caricamento