L'assessore Sadegholvaad: "Rendere Rimini sempre più bella, vivibile e attrattiva"

I bilanci dei controlli estivi da parte della polizia Municipale, 93 le sanzioni elevate per varie irregolarità

Decoro urbano e riqualificazione, questi i due aspetti su cui Rimini deve puntare e che, per l'assessore Jamil Sadegholvaad, sono fondamentali per la città che, dopo il centro storico, si prepara a mettere mano nella zona di Marina Centro e dei viali delle regine. L'occasione è quella di un primo bilancio della polizia Municipale sulle attività di controllo nei mesi estivi con gli agenti impegnati in 452 verifiche che hanno portato a 93 sanzioni per diverse irregolarità, 22 delle quali ad attività "recidive" che, già in passato, erano finite nei guai. “Rendere la città sempre più bella, vivibile e attrattiva è una responsabilità di tutti: di chi ha l’onore e l’onere di amministrare e di chi quella città la vive. Anche per questo motivo, nell’ottica di una maggiore responsabilizzazione da parte di tutti per la tutela del decoro urbano, durante l’estate grazie all’impegno della Polizia Municipale, siamo riusciti a portare a termine una campagna straordinaria di controlli sul rispetto delle normative in materia di occupazione di suolo pubblico sulle aste commerciali di tutto il territorio, sia della zona turistica da Rimini nord a Miramare, sia nel centro storico. Dopo le 452 verifiche per opera dei nostri agenti, sono state 93 le sanzioni elevate per varie irregolarità, da ampliamenti abusivi a merci esposte non correttamente, con 22 ‘recidivi’ (cioè sanzionati due volte) per i quali è scattata la sospensione di un giorno.

Questa campagna di controlli è stata solo un pezzo di un più complessivo progetto di decoro urbano e di riqualificazione, che dopo aver interessato il centro storico, ora si concentra sulla riqualificazione dell’asta commerciale dei viali delle Regine. Proprio su questo asse, così importante per il nostro turismo e per la nostra economia, si concentrano le nuove misure per il miglioramento dell’offerta commerciale e per il mantenimento del decoro, che contiamo di mettere in pratica già dalla prossima estate. Queste misure, che nascono anche dal confronto avviato nei mesi scorsi con le categorie, si muovono proprio nel solco di quanto fatto con il regolamento dei dehors per il centro storico - dove stiamo ottenendo ottimi riscontri - e procedono su un doppio binario: da una parte le regole che disciplinano l’esercizio dell’attività, l’occupazione del suolo pubblico e il decoro (inglobando il regolamento già esistente), dall’altra le proposte progettuali d’area, con definite tipologie di dehors, regole per tende, insegne ed espositori".

"Saranno quindi introdotte - conclude l'assessore - nuove disposizioni per l’outdoor degli esercizi commerciali e i dehors della ristorazione e nuove regole per l’esposizione delle merci e l’occupazione del suolo pubblico. A titolo di esempio, sarà vietata l’esposizione della merce al di fuori delle vetrine e sugli stipiti delle porte, non sarà possibile usare le vetrine come luogo di stoccaggio merci, sarà vietata la pubblicità di alcolici. E ancora, sul fronte dell’uso degli spazi, il suolo privato dovrà rispettare le stesse regole del suolo pubblico, ci sarà una percentuale massima di espositori che sarà possibile posizionare e dovrà essere mantenuta una fascia libera di rispetto sul marciapiede. Queste sono solo alcuni degli interventi mirati che vogliamo introdurre e che, con la collaborazione degli esercenti, saranno indispensabili per riqualificare la spina commerciale che gravita e opera lungo i viali delle Regine”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento