L'edificio della nuova Questura? Covo per bivacco e spaccio: nei guai 4 stranieri

Un tunisino di 30 anni è stato arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri di Rimini per detenzione illegale di stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale ed invasione di edifici

Un tunisino di 30 anni è stato arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri di Rimini per detenzione illegale di stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale ed invasione di edifici. L’extracomunitario, irregolare nel territorio italiano e senza una fissa dimora, è stato sorpreso all’interno dello stabile che ospiterà la nuova sede della Questura, dove si era introdotto abusivamente attraverso l’effrazione di una porta.

Qui aveva occupato una camera nella zona logistica. Al controllo dei Carabinieri è stato trovato in possesso di 3,5 grammi di hashish ed un grammo di marijuana, suddivisa in quattro dosi. Vistosi scoperto, al fine di sottrarsi al controllo, ha aggredito i militari operanti con calci e pugni, venendo comunque da questi bloccato ed arrestato.

Nel medesimo contesto sono stati anche denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Rimini, sempre per il reato di invasione di edifici,  altri 3 extracomunitari che anch’essi si erano introdotti abusivamente nella futura sede della Questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento