L'ultimo saluto alle vittime di coronavirus, l'appello: "Non neghiamo dignità ai morti"

L'appello di un cittadino affinché si possa dare l'addio ai propri cari all'interno del piazzale del cimitero

E' un appello doloroso per chiedere che l'ultimo saluto ai propri cari, in questi giorni di emergenza sanitaria, possa essere dato, nel piazzale interno del cimitero e non all’esterno con il cancello chiuso. A scrivere una lettera aperta è il giornalista Enrico Rotelli che pochi giorni fa ha perso una sua parente a causa del coronavirus. "Quel cancello – scrive Enrico Rotelli – si aprirà comunque, fatelo varcare tre minuti prima, il tempo della benedizione. Son tre minuti gonfi di umanità".

La lettera

Pochi giorni fa l’Italia ha commemorato i morti dell’epidemia. Anche a Rimini: alle spalle la bandiera a mezz’asta, in una piazza deserta, il sindaco e il suo video operatore hanno immortalato l’omaggio a numeri che hanno superato i diecimila. A due chilometri in linea d’aria, invece, ogni giorno i nostri morti perdono la freddezza del segno numerico e acquistano le sembianze dei nostri ricordi: un ordito di anni e una trama di fatti e amicizie e amori che è stata la loro vita. Per loro la celebrazione non ha la solennità di una bandiera, ha la freddezza di un cancello chiuso. La bara viene sfilata dal carro funebre e posta su un carrellino nel grigio dell’asfalto del piazzale antistante il cimitero. Qui vengono quotidianamente benedette le salme. I pochi parenti, alcuni dei quali non hanno potuto assistere le vittime coVid 19, dividono l’estremo saluto con i miasmi delle rare macchine in transito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A una manciata di metri, alle loro spalle, la desolante freddezza del cancello chiuso che li divide dalla terra consacrata. Cancello che si aprirà comunque qualche minuto dopo per procedere all’inumazione, con gli stessi pochi parenti al seguito. La pietas che dedichiamo ai morti è stata spazzata via da una regola, dimentica del dolore e del culto ancestrale dei morti. Incapace di capire che la distanza di sicurezza viene rispettata nel parcheggio fuori dal cimitero come oltre quel cancello, tra la Prua di Pomodoro che sovrasta Fellini e Masina e la stele che veglia Gruau. Ne abbiamo celebrati lì di funerali. Vogliamo continuare a negare un minimo di dignità ai morti, di coVid 19 o no, e ai vivi che li piangono? Quel cancello si aprirà comunque, fatelo varcare tre minuti prima, il tempo della benedizione. Son tre minuti gonfi di umanità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi torna a Rimini, fan scatenati: pioggia di autografi e selfie

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Vede la Polizia e si catapulta fuori dall'auto in corsa: raggiunto dopo un'estenuante fuga per i campi

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

  • Addio a Luigi Battelli, il noto albergatore ucciso dal coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento