La città si rimette in moto: riaprono i cantieri strategici per Rimini

Utilizzando le misure di sicurezza anticontagio gli operai lavoreranno al Museo Fellini, al Parco del Mare, in via Diredaua e alla rotatoria Padulli

Sono numerosi i cantieri strategici della città che riprenderanno la propria attività già da lunedì prossimo o – condizioni meteo permettendo - nei giorni seguenti, dopo che le ditte impegnate nella loro realizzazione, come la Cooperativa Braccianti Riminese tra tutte, hanno riorganizzato le proprie modalità operative conformandosi a tutte le disposizioni e misure precauzionali stabilite dai decreti e dalle ordinanze nazionali e regionali adottate nei giorni scorsi per il contrasto alla diffusione del Covid-19 adatte a garantire in primo luogo le proprie maestranze.

In particolare lunedì 30 marzo è prevista prosecuzione dei lavori di “Connessioni Urbane”, lo stralcio del progetto per la realizzazione del nuovo Museo Fellini che sta operando su piazzetta San Martino, via Verdi, vicolo Valloni, sia da parte di Cbr per la realizzazione per conto di Hera dei sottoservizi propedeutici al progetto di riqualificazione urbana che degli archeologi di AdArte che stanno completando proprio su piazzetta San Martino il sondaggio sulle evidenze archeologiche emerse riconducibili ai resti della chiesa di San Martino nonché della connessa area cimiteriale. Conclusa invece la prima fase dei sondaggi archeologici su piazza Malatesta realizzati nello spazio antistante l’antico campanile della Cattedrale di Santa Colomba i cui risultati sono attualmente  al vaglio della Soprintendenza. Sempre in tema Museo Fellini è ormai giunta alla conclusione la procedura amministrativa della fase d’aggiudicazione degli interventi previsti per la realizzazione degli allestimenti e delle installazioni che saranno ospitati in Palazzo Valloni previste dal gruppo di progettazione per questo spazio museale che si snoderà attraverso i tre piani superiori dell’immobile.

Ma i cantieri che riprenderanno l’attività lunedì – sempre condizioni meteo permettendo - riguardano anche altre opere pubbliche strategiche come il Parco del Mare sia nel tratto Nord che nel tratto Sud. In particolare le squadre della Cbr saranno impegnate nel tratto Viserba – Rivabella, mentre più a Nord, a Torre Pedrera, l’intervento non ha mai visto sostanzialmente la sospensione dei lavori. Sempre a Nord anche l’intervento in fase avanzata di realizzazione, che sta potenziando dell’asse viario Mazzini, Caprara, Serpieri e Domeniconi, riprenderà per avviarsi verso la sua conclusione. Sul fronte opposto lunedì in programma anche il tratto 8 per la realizzazione dell’infrastruttura verde urbana del Parco del Mare, quello che sta interessando il lungomare Spadazzi a Miramare sulla base delle linee di indirizzo progettuali elaborate per il Comune dallo studio Miralles Tagliabue.

Anche i lavori per la conclusione della nuova rotatoria sulla Statale 16 nella zona Padulli, all’altezza degli stabilimenti Valentini potranno riprendere lunedì. Entrata pienamente in funzione sulla sua parte principale sulla SS16 e verso monte sulla via Cerasolo, nelle prossime settimane si procederà ai lavori necessari al collegamento sul nuovo ponticello, che consente di accedere alla nuova rotatoria nell’intersezione tra la Via Di Mezzo e la Via A. Moro. Programmato per lunedì 6 aprile, con l’entrata in campo della ditta Pesaresi, la ripresa del nutrito programma di asfaltature su oltre una ventina di strade dei quartieri a monte della statale 16 Adriatica, parte del piano delle opere di ‘Città Diffusa’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La ripresa dei lavori nonostante il difficile momento che tutto il Paese sta attraversando – ha commentato l’assessore ai lavori pubblici Jamil Sadegholvaad – è un segno che, oltre al significato materiale per opere attese e importanti per lo sviluppo della città, incoraggia e dà prospettiva e speranza. E’ anche per questo che vogliamo ringraziare i nostri tecnici che stanno seguendo giorno dopo giorno, cantiere per cantiere, l’evoluzione dei lavori così come i tecnici e le maestranze delle ditte partner, che non dubito avranno un ruolo importantissimo quando ci affacceremo al di là del tunnel.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Coronavirus, il bollettino: l'attività di screening scopre due positivi asintomatici

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

Torna su
RiminiToday è in caricamento