La crisi c'è e si vede, tutti aspettano i saldi invernali

Si avvicina il tradizionale appuntamento con i saldi invernali. La caccia alla convenienza partirà il 5 gennaio. Secondo quanto stimato dall'Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà 403 euro

Si avvicina il tradizionale appuntamento con i saldi invernali. La caccia alla convenienza partirà il 5 gennaio. Secondo quanto stimato dall'Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà 403 euro per l'acquisto di capi d'abbigliamento e accessori. Per i consumatori è stato stilato un vadenecum per il corretto acquisto. Ogni negoziante ha l'obbligo di indicare il prezzo normale di vendita della merce, lo sconto ed il prezzo finale.

I capi che vengono proposti in saldo devono esser stagionali o di moda. Ma non è vietato mettere in vendita anche vestiti che non appartengono alla stagione in corso. Non è obbligatorio provare i capi. E' rimesso alla discrezionalità del negoziante. Per quanto concerne il pagamento con le carte di credito, tali devono esser accettate dal negoziante qualora sia esposto l'adesivo che attesta la relativa convenzione. La possibilità di cambiare un capo acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme. In questo caso scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato.

L'acquirente è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto. Se Confcommercio confida in un buon andamento dei saldi, non è altrettanto ottimista il Codacons, secondo il quale solo il 40% delle famiglie approfitterà dei saldi invernali. La spesa media pro capite sarà di 110 euro e il calo delle vendite raggiungerà quota -30% rispetto ai precedenti saldi invernali. Anche per l'Adoc i saldi saranno un flop, con un calo delle vendite del 30%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento