La Federmoto conferma la sospensione di Fenati dopo la "pinzata" a Manzi

Il pilota ascolano paga a caro prezzo il gesto folle al Gp di San Marino e della Riviera di Rimini ai danni del riminese della Forward

Romano Fenati paga a caro prezzo il folle gesto che, domenica 9 settembre, lo ha visto protagonista in negativo nella gara di Moto2 al Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. L'ormai celebre "pinzata" ai danni del pilota riminse della Forward Stefano Manzi, avvenuta a oltre 200 chilometri all'ora sul rettilineo del Misano World Circuit, è costata al 22enne ascolano la sospensione dall’attività sportiva e federale per Romano Fenati. La conferma è arrivata nella mattianta di venerdì dopo che il Tribunale della Federazione motociclistica italiana ha ascoltato Fenati. Al termine dell'audizione, presenta anche il legale del pilota, il tribunale dunque ha deciso di mantenere la sospensione cautelare dall’attività sportiva e federale richiesta dal procuratore Antonio De Girolamo. Il pilota ha poi lasciato il Palazzo del Coni dribblando i numerosi cronisti presenti. Il procedimento disciplinare e le relative tempistiche sono ora rimessi al Procuratore Federale che entro due mesi espleterà eventuali ulteriori indagini preliminari. Durante questo periodo, la misura cautelare rimane in vigore. Il procedimento disciplinare seguirà quindi il suo corso all'esito del quale il Procuratore Federale deciderà se deferire Romano Fenati al Tribunale Federale. Su Fenati pesa ancora l'esposto, presentato dal Codacons alla Procura della Repubblica di Rimini, con l'ipotesi di tentato omicidio e la convocazione a Ginevra da parte della Fim per dare ulteriori spiegazioni di quello che è stato definito un "atto oltraggioso e scioccante"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento