rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca

La polizia di Stato ricorda Antonio Mosca, il sovrintendente ucciso dalla banda della Uno Bianca

Nel 33esimo anniversario della sua scomparsa, dopo la cerimonia religiosa è stata deposta dal Questore di Rimini, Rosanna Lavezzaro, alla presenza del Vice Prefetto Vicario della Provincia di Rimini, Patrizia Claudia De Angelis, una corona di alloro del Capo della Polizia

Venerdì mattina, alle ore 11.30, si è svolta la Messa celebrata dal Cappellano della Polizia di Stato, Padre Paolo Carlin, presso la Chiesa di San Giuliano Martire di Rimini alla presenza di numerose Autorità civili e militari e di numerosi colleghi di Antonio Mosca, il sovrintendente capo ucciso dalla banda della Uno Bianca. Nel 33esimo anniversario della sua scomparsa, dopo la cerimonia religiosa è stata deposta dal Questore di Rimini, Rosanna Lavezzaro, alla presenza del Vice Prefetto Vicario della Provincia di Rimini, Patrizia Claudia De Angelis, una corona di alloro del Capo della Polizia davanti alla lapide ed al cippo commemorativo posto all’ingresso della Questura intitolato ad Antonio Mosca. Il Sovrintendente Capo morì il 29 Luglio 1989, come conseguenza delle ferite subite in una sparatoria con tre criminali, membri della “Banda della Uno Bianca” il 3 Ottobre 1987 sull’autostrada A14 all’altezza del casello di Cesena.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia di Stato ricorda Antonio Mosca, il sovrintendente ucciso dalla banda della Uno Bianca

RiminiToday è in caricamento