menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 A destra il sacerdote novello don Enrico Doria, con lui, al centro, S.E. Mons. Bernard Fellay, Superiore Generale della FSSPX e, a sinistra, don Gabriele D'Avino, l'altro italiano ordinato assieme a lui.

A destra il sacerdote novello don Enrico Doria, con lui, al centro, S.E. Mons. Bernard Fellay, Superiore Generale della FSSPX e, a sinistra, don Gabriele D'Avino, l'altro italiano ordinato assieme a lui.

La prima Messa di don Enrico per i trent'anni del Priorato

Sarà una giornata memorabile, quella di domenica prossima, per il Priorato 'Madonna di Loreto' della Fraternità Sacerdotale San Pio X. Saranno festeggiati, infatti, i suoi trent'anni d'attività e canterà la prima S. Messa

Sarà una giornata memorabile, quella di domenica prossima, per il Priorato 'Madonna di Loreto' della Fraternità Sacerdotale San Pio X. Saranno festeggiati, infatti, i suoi trent'anni d'attività e canterà la prima S. Messa, il triestino don Enrico Doria che, fresco dell'ordinazione sacerdotale, ricevuta assieme ad un altro italiano, don Gabriele D'Avino, giungerà a Rimini  direttamente dal Seminario Internazionale di Ecône, in Svizzera.

Nella piccola frazione di Spadarolo sono perciò attese centinaia di fedeli che vivacizzeranno non poco questo angolo di spiritualità e silenzio, alle pendici delle prime colline della Valmarecchia. Il Priorato aprì i suoi battenti, giusto nel 1983, per estendere, anche in Italia, la presenza della Fraternità Sacerdotale San Pio X, fondata nel 1970 dal Vescovo francese, Mons. Marcel Lefebvre, che a causa della sua fedeltà alla Tradizione della Chiesa, della sua opposizione agli errori del Concilio Vaticano II ed alla nuova liturgia a sapore protestante, fu vittima di persecuzioni da parte di alcuni membri della gerarchia ecclesiastica.

La presenza della Fraternità, oltreché rappresentare un sicuro faro di cattolicità in Romagna, ha suscitato, proprio a Rimini, numerose vocazioni al sacerdozio, come quelle di don Pierpaolo Maria Petrucci, attuale Superiore d'Italia, don Davide Pagliarani, Rettore del Seminario di La Reja, in Argentina e don Aldo Rossi, Priore del Priorato di Albano Laziale. Ci saranno anche loro, domenica, a far memoria della presenza del Priorato: “un bastione avanzato – diceva mons. Lefebvre - in pieno campo di battaglia, da dove i Sacerdoti ferventi, che vivono nella preghiera, nella contemplazione, vicino al Santissimo Sacramento, nell’unione fraterna, sono pronti a partire in battaglia”.

Due cori accompagnati da organo e tromba accoglieranno don Enrico che, alle 10.30, celebrerà la Santa Messa Solenne che darà avvio alla sua presenza a Spadarolo per dare man forte alla comunità di sacerdoti, attualmente guidata dallo statunitense, don Chad Kinney. Il Priorato riminese cura, infatti, il settore nord-est dell’Italia ed i sacerdoti partono da qui, per celebrare la S. Messa a Ferrara, Treviso, Verona, Trento, Bologna e Parma. Annualmente il Priorato organizza il Pellegrinaggio della Tradizione da Bevagna ad Assisi e, per la festa di Cristo Re, il “Convegno di Studi Cattolici”. Hanno qui la loro sede anche la redazione de La Tradizione Cattolica, il bollettino del distretto italiano e, dallo scorso settembre, la Scuola Elementare Paterna “Gesù Bambino”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento