La Protezione Civile della Valconca in aiuto delle popolazioni terremotate

I volontari di nuovo presenti ed operativi presso il campo base di Caldarola, zona del maceratese colpita dal terremoto

In questi giorni volontari del "Gruppo di Protezione Civile dell'Unione della Valconca" sono di nuovo presenti ed operativi presso il campo base di Caldarola, zona del maceratese colpita dal terremoto, dove già vi è stata la presenza nelle scorse settimane. Il 24 agosto, quando il sisma ha colpito l'Italia centrale, l'Emilia Romagna si è subito mobilitata e all’interno dell’organizzazione della Protezione civile regionale e della Provincia di Rimini,  ha dato il suo prezioso contributo anche il Gruppo della Valconca. Sono stati montati tre campi per l'accoglienza realizzati in alcune frazioni di Montegallo, precisamente due ad Uscerno e uno a Balzo di Montegallo in provincia di Ascoli Piceno.

In particolare i volontari della Valconca hanno collaborato con i colleghi delle altre associazioni  nella gestione della cucina, della logistica per l'allestimento dei campi stessi e per la gestione della segreteria d'emergenza.
Il Gruppo è stato presente alternativamente fino alla chiusura dei campi stessi lo scorso 15 ottobre. Ma il giorno 30 dello stesso mese la terra ha tremato di nuovo e la Regione Emilia Romagna ha subito risposto alla nuova emergenza montando un campo a Caldarola di Macerata dove vi è stata la presenza degli uomini della Valconca in diversi periodi, sempre per collaborare con i colleghi nella gestione della cucina, segreteria e logistica, e dove vi è la presenza proprio in questi giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il Gruppo della Valconca conta circa 50 volontari – dichiara la Coordinatrice Elena Castiello - con diverse specializzazioni acquisite attraverso corsi regionali organizzati dalla Protezione Civile, per la guida di fuoristrada, gestione della segreteria in emergenza, spegnitori di incendi, avvistamento incendi, geolocalizzazioni di persone scomparse, psicologia dell'emergenza ed utilizzo degli apparati radioricetrasmittenti. Ogni volta che siamo allertati dal "Centro Operativo Intercomunale  di Protezione Civile della Valconca" per le emergenze del nostro territorio, la squadra di volontari che è reperibile come da turni organizzati   viene subito allertata e pronta a dare risposte ai bisogni dei cittadini nelle macroemergenze, come il sisma del centro Italia su allerta del Coordinamento di Rimini  e su richiesta della Regione, ci integriamo nella colonna mobile regionale con le  specialità e nei tempi richiesti. Il nostro obiettivo è quello di essere utili verso i cittadini bisognosi per non lasciarli soli di fronte a quelle che a volte sono per loro le prove più dure a cui la vita li ha messi di fronte”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento