La Stella al Merito del Lavoro al montefiorese Giancarlo Grassi

Si tratta della più alta onorificenza di cui può essere insignito un dipendente e gli conferisce il titolo di “Maestro del Lavoro”.

Giancarlo Grassi ha ricevuto "La stella al merito del lavoro" a Bologna, nell’aula Magna di S.Lucia. Si tratta della più alta onorificenza di cui può essere insignito un dipendente e gli conferisce il titolo di “Maestro del Lavoro”. "Conosco bene questa famiglia da tantissimi anni - afferma Wally Cipriani - . Persone esemplari, corrette, oneste, riservate e rispettose. 
Negli anni passati in cui esercitavo la mia professione come farmacista, più volte ho trascorso ore in piacevole compagnia del padre Nino, con il quale si era installato un reciproco rapporto di cordialità e profonda stima. Oggi nella mia veste istituzionale, di Sindaco, visito spesso la mamma Pierina".

"Giancarlo non ha avuto certo una vita facile, la sofferenza però non è riuscita a distoglierlo dal profondo senso del dovere e dal grande rispetto per il proprio lavoro - prosegue il primo cittadino di Montefiore -. Sono profondamente commossa e soddisfatta per questa onorificenza, che giustamente lo colloca al più alto livello possibile nel mondo del lavoro. Mi congratulo per questo altissimo merito, che giustamente premia  volontà, dedizione e condotta morale. 
Giancarlo Grassi, rappresenta sicuramente per tutti noi un grande esempio da imitare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Il ristoratore ha ‘esportato’ il virus in Romania, malato un 20enne dipendente del suo locale

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Coronavirus, la Regione annuncia due nuovi casi a Rimini. In 40 in isolamento volontario

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • L'ordinanza: chiuso il ristorante dell'uomo colpito dal Coronavirus e tutti i luoghi di aggregazione

Torna su
RiminiToday è in caricamento