La "tempesta emotiva" non giustifica il killer di Olga Matei

La Cassazione rigetta la tesi dell'Appello che aveva riconosciuto le attenuanti all'autore dell'omicidio

Ci sono "errori logici" ed "evidenti contraddizioni" nella sentenza con la quale la Corte d'appello di Bologna ha riconosciuto a Michele Castaldo le attenuanti generiche per l'omicidio di Olga Matei sulla base della sua confessione e valorizzando la perizia che aveva riconosciuto una "soverchiante tempesta emotiva e passionale" determinata dalla gelosia e il tentativo di risarcire la figlia della vittima. Così la Cassazione nelle motivazione della sentenza con cui l'8 novembre ha accolto il ricorso del procuratore generale di Bologna e disposto un nuovo giudizio sul riconoscimento delle attenuanti. L'uomo era stato condannato a 16 anni in appello, con le attenuanti generiche, equivalenti alla aggravante dei motivi abbietti e futili. La gelosia, "come le altre situazioni psicologiche integranti 'stati emotivi e passionali', può essere presa in considerazione ai fini della concessione delle attenuanti generiche" ma il giudice deve "fornire una razionale giustificazione della scelta compiuta".

Il femminicidio di Olga Matei

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento