La vita ai tempi del Coronavirus: "Prendevamo in giro i cinesi e con l'Amuchina ci sentivamo invincibili"

Valentina Cavina: "Questo Virus ci sta insegnando anche qualcos’altro. Ci sta facendo capire la differenza tra le cose importanti e quelle superficiali"

Per inviare un testo (meglio se con foto): redazione@romagnaoggi.it - indicare la città

Magari mi sbaglio… ma questa settimana credo si sia velocemente posizionata tra le più interessanti di tutta la mia vita vissuta finora. Anzi, senza forse. Dopo circa un mese di risate fatte sulla sfiga dei cinesi, dopo aver continuato a vivere le nostre giornate noncuranti di tutto ciò che stava accadendo nel mondo, dopo esserci sentiti intoccabili… il Covid-19 detto anche CoronaVirus è arrivato in Italia. Non è solo arrivato, ci ha invaso. In modo prepotente. Senza chiederci il permesso. Senza preoccuparsi di sapere se fossimo pronti o no. O meglio… lui ci aveva avvisato, solo che noi non lo abbiamo ascoltato. Ora guardiamo le altre Nazioni che stanno vivendo ciò che abbiamo vissuto noi settimane fa… il saccheggio dei supermercati, le persone ancora in giro libere per strada e nei locali, a dire che è solo un’influenza e che non c’è problema. Senza limiti, senza sapere ciò che sta per accadere davvero. E noi vorremmo spiegarglielo, vorremmo urlarglielo… di stare in casa, di non comportarsi come incivili, di non fare gli stupidi. Ma del resto lo abbiamo fatto anche noi, forse è un processo naturale… come tutte le cose che devi vivere prima di capire. Si sento invincibili.

Ci sentivamo invincibili anche noi. Con quel piccolo flanconcino di Amuchina disperso nei cassetti da usare solo in viaggio, che ora è diventato il nostro migliore amico. Con la spesa on-line che arrivava il giorno stesso dell’ordine, quando ancora le mascherine su Amazon costavano pochi centesimi ed erano disponibili subito. Abbiamo iniziato a renderci conto della cosa, ma da “veri Italiani” abbiamo continuato ancora un pò a ridere in faccia al Virus, perchè “tanto io sono giovane, l’influenza l’ho già avuta, i Media esagerano, è una bufala per far crollare l’economia” etc…
Solo che i reparti di terapia intensiva hanno subito un collasso, persone che conoscevamo si sono ammalate, siamo diventati zona rossa. Poche ore dopo tutta l’Italia era chiusa. Vabbè, ci siamo detti, tanto noi la passeggiata al mare la possiamo fare, il giro al parco pure, i centri commerciali sono aperti, il bar continua a fare l’aperitivo. Dai, non sarà così grave, esagerano come al solito. Sorvolando ovviamente su tutte quelle “bufale” o meno che i social hanno iniziato a far girare, video e notizie completamente discordanti tra di loro, senza una logica… un delirio di informazioni prese chissà dove… “segui lui che ne sa, no vai su quella pagina che dicono le cose come stanno, non guardare il telegiornale che creano allarmismo, vai su tg24, no anzi segui quel chimico che ti spiega il coefficiente del contagio…”

Poi una mattina ci siamo svegliati e i parchi erano chiusi… la macchina della Polizia ha iniziato a girare per le strade deserte reclamando le regole con il megafono… gli unici negozi rimasti aperti erano alimentari, edicole e farmacie… i film interrotti da continui annunci di comportamento… è diventata necessaria l’autocertificazione come lasciapassare per spostarsi… la camionetta della protezione civile ha iniziato a fare le ronde in spiaggia… E’ arrivata la PAURA. E’arrivato il SILENZIO. Ma è arrivata anche un’altra cosa. La PRESA DI COSCIENZA. E da quel momento è scattato un interruttore dentro di noi. Abbiamo iniziato a capire che INSIEME possiamo farcela, uniti da un qualcosa che per forse la prima volta è stato capace di spazzare via razze, religioni, stati sociali, etichette, ruoli, confini. Perchè questo Virus non guarda in faccia nessuno, non ti chiede l’estratto conto o che lavoro fai, non si interessa se vai in Chiesa oppure no, se hai il cane da portare fuori, se vivi da solo o se condividi la casa con qualcuno. No.

Questo Virus tratta tutti allo stesso modo, come dovrebbe essere. E allora ci siamo detti che forse così diversi non siamo. Che aspettare un pò per essere serviti dal fruttivendolo non è la fine del mondo. Che salutare il vicino di casa dalla terrazza non è così male. E che sì, abbiamo dei vicini! Che ginnastica si può fare anche in casa. Che comprare quel vestito non è così urgente, meglio spendere i soldi per un pacco di pasta e risparmiare per i tempi che verranno. Non solo. Eh già, NON SOLO. Questo Virus ci sta insegnando anche qualcos’altro. Ci sta facendo capire la differenza tra le cose importanti e quelle superficiali. Che non siamo immortali, che il Pianeta va trattato bene, che basta davvero poco per essere felici e basta altrettanto poco per essere infelici. Questa mattina mi sono svegliata tardi, avevo bisogno di dormire. Aprendo gli occhi ho capito che fuori c’era una giornata splendida, ho aperto la finestra e infatti il sole primaverile era lì, con i suoi 19 gradi. Il primo pensiero è stato: via subito in spiaggia! Poi ho realizzato, tempo tre secondi e sono tornata alla realtà. E in quel momento sono tornata indietro a quelle domeniche in cui ho preferito stare in casa nonostante il sole dicendomi: “ma sì, abito al mare, andrò in spiaggia prossima settimana!”. Ho rimandato… e oggi non ci potevo andare.

Abito da sola. Non è facile da spiegare a chi abita con qualcuno. Il silenzio è ancora più assordante, il bisogno di contatto umano si estremizza. Fino a venerdì mi sono rifugiata nel lavoro, che ho la fortuna di avere ancora e ho la fortuna di poter fare da casa. Ed è stata la mia salvezza. Qualche telefonata agli amici, videochiamate a papà, un pò di fitness… ed è passata. Poi è arrivato il weekend. Preventivamente mi sono preparata una lista di cose da fare, conoscendo la mia indole organizzativa volevo evitare di trovarmi annoiata. Una lista infinita di lavori lunghi che avrebbero riempito sia il sabato che la domenica. Roba da intenditori: sistemare i documenti, ribaltare l’armadio, pulizie di casa, iniziare a scrivere il diario, organizzare il book della formazione… Sapete cosa? Non ho praticamente fatto nulla di queste cose (a parte la pulizia di casa che ormai è routine e una veloce organizzata ai documenti che era necessaria da tempo). Ma la cosa più esilarante è che NON MI SONO ANNOIATA. E’ iniziato (forse già da lunedì ma con il lavoro non me ne ero resa conto bene) un percorso interiore di analisi incredibile. Quello spazio per me stessa che di solito, presa dalla quotidianità delle cose da fare, viene messo da parte. Perchè è più importante il giro al centro commerciale, l’aperitivo con gli amici, lavare la macchina… Siamo abituati ad occupare il tempo con un milione di attività inconsistenti e superficiali, rallentando il cervello e lobotomizzandoci nella routine, pur di non ascoltare davvero il nostro cuore e capire cosa vogliamo DAVVERO.
Ora che sono costretta… beh, non è così male. E passatemi l’espressione: “Sono felice”.

Felice di aver davvero ascoltato le parole di una canzone sparata a tutto volume nelle orecchie, felice di aver fatto aperitivi virtuali al computer senza pormi il problema di dove si va cosa mi metto a che ora è, felice di non aver visto la televisione la sera, felice di aver iniziato un libro che ormai stava prendendo la polvere. Felice di aver avuto il coraggio di prendere il telefono, mettendo da parte l’orgoglio o chissà che cosa, chiamando una delle persone più importanti della mia vita e passando un’ora di chiacchiere tanto rimandate per chissà quale motivo. Felice di aver capito che tutto ciò che abbiamo e facciamo non è così scontato come credevamo. Felice di essermi guardata dentro, iniziando ad affrontare le mie paure ed insicurezze. Felice di aver scoperto di avere una FORZA incredibile ed un OTTIMISMO che non sapevo di avere. Presente nei film quando un umano qualsiasi diventa un supereroe? Vede le cose lontanissime come se fossero al microscopio, sente i suoni impercettibili e distanti come se fossero vicinissimi. Ecco. Questa settimana, questo weekend… ho visto e sentito. Non con gli occhi della quotidianità, ma con il cuore. Ed è stato bellissimo. Ho anche pianto. Anzi no, ho pianto TANTO e OGNI GIORNO. Perché anche io mi sentivo invincibile e beffavo quel virus che ora mi sta costringendo a fare i conti con me stessa.

Oggi tornando a casa dopo aver portato delle riviste a mio padre ho notato il disegno che hanno fatto le bambine dell’appartamento accanto al mio. E mi sono sentita meno sola. Non siamo soli e sì, ce la faremo. Il mio augurio è che, passata la tempesta, fossimo tutti un pò più consapevoli. Perchè non so come è sembrato a voi, ma secondo me oggi il cielo era di un azzurro più pulito… non sarebbe male vederlo sempre così! Da parte mia non vedo l’ora di poter vivere il mondo in questa nuova veste di me stessa. Resiliente e consapevole. Viva. Grata.

Rimini è come una scatola di cioccolatini… non sai mai quello che ti capita!
Rimini è quel posto dove puoi perderti girovagando per le strade del Borgo San Giuliano…
Rimini è dove puoi passeggiare in spiaggia all’infinito, con il grattacielo all’orizzonte e le conchiglie sotto ai piedi…
Rimini è la pista ciclabile rossa che dal ponte di Tiberio ti porta al Faro e poi ancora fino al Porto…
Rimini è il lungomare che dalla ruota ti porta fino a Piazzale Fellini…
Rimini ha il sapore del Mohjito bevuto in strada davanti al Giardino…
Rimini suona Sandra al 44 mentre tu balli a piedi nudi sulla sabbia con uno Spritz in mano cantando a squarciagola...
Rimini ti offre riparo sotto la Vecchia Pescheria e ti invita ad entrare nelle Cantinette…
Rimini staglia i colli Romagnoli all’orizzonte chiamandoti a passeggiare nei suoi Borghi…
Rimini ti offre la piada con cipolla e sardoncini quando hai fame dopo la Molo Street Parade…
Rimini ti culla col suono del faro nelle gelide e nebbiose notti invernali…
Rimini si tinge di colori all’alba della Notte Rosa e ti sorride perchè non vede l’ora di farti ballare tutta la notte…
Rimini lascia i mosconi sulla spiaggia anche d’inverno perchè sa che la domenica ti piace sederti a vedere il mare…
Rimini va a caccia di telline la mattina con la bassa marea…
Rimini ti fa vedere il tramonto sul mare ma solo dalla Darsena seduta al Sunset con un drink in mano, perchè non vuole che tu ti perda questo incanto…
Rimini mette il grandeschermo in spiaggia perchè sa bene che vedere un film in riva al mare è molto meglio che al cinema…
Rimini ti scalda con i cappelletti ed il Sangiovese…
Rimini si accende con le luci della Dolce Vita per donarti un magico Natale…
Rimini ti abbraccia nel verde dei suoi parchi dove i ragazzi fanno Capoeira e i bambini corrono sui prati…
Rimini ha il cuore romagnolo pieno d’amore per la vita ed il sorriso della sdòra che prepara la sfoglia della domenica…

Rimini vuole bene a tutti… e tutti vogliono bene a Rimini.
Tin bòta Rimini, ci vediamo presto!

Valentina Cavina

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vita ai tempi del Coronavirus - Il diario dei nostri lettori

Vuoi raccontarci la tua storia? Mail a redazione@romagnaoggi.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Vede la Polizia e si catapulta fuori dall'auto in corsa: raggiunto dopo un'estenuante fuga per i campi

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

  • Addio a Luigi Battelli, il noto albergatore ucciso dal coronavirus

  • Renzo Piano firma The Cube a Londra e l'edificio "parla" riminese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento