Ladre aggressive sorprese mentre rubano in casa di due anziani: arrestate

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Rimini hanno assicurato alla giustizia una quarantenne di Coriano, una 18enne di Rieti ed una 58enne di La Spezia

Sorprese mentre stavano rubando nell'abitazione di due anziani. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Rimini hanno assicurato alla giustizia una quarantenne di Coriano, una 18enne di Rieti ed una 58enne di La Spezia, tutte già note alle forze dell'ordine, con l'accusa di rapina impropria in flagranza. I fatti si sono verificati sabato scorso in un'abitazione in via Mirandola, nelle campagne di Spadarolo.

Le tre hanno preso di mira un cascinale abitato da una coppia di anziani. Mentre la più giovane era rimasta in auto e fungeva da palo, le altre due, approfittando della distrazione dei proprietari seduti in giardino, sono entrate in casa ed hanno iniziato a frugare nella camera da letto alla ricerca di denaro e monili. Ma di lì a pochi minuti è arrivato il figlio dei proprietari: l’uomo, notando in zona un’auto mai vista prima, insospettito dal fatto che il cancello e la porta di casa dei genitori era aperti, ha segnalato il tutto al numero di emergenza 112 richiedendo l’invio di una pattuglia sul posto per sincerarsi della situazione.

Nel frattempo l’uomo, sinceratosi che i genitori stessero bene, è entrato in casa, notando subito che la zona notte era stata interamente messa a soqquadro. Ma mentre l’uomo cercava di capire cosa fosse successo, lo stesso è stato travolto dalle due donne che, vistesi ormai scoperte, al fine di assicurarsi la fuga, l’hanno spintonato violentemente facendolo cadere a terra. Le due malfattrici, dopo aver abbandonato la refurtiva, si sono date alla precipitosa fuga. Tuttavia sono state bloccate nei pressi del cancello dell’abitazione, mentre tentavano di salire in auto, dai Carabinieri giunti nel frattempo sul posto.

I due anziani proprietari di casa non hanno subito conseguenze mentre il figlio, a seguito della caduta, è stato medicato al pronto soccorso di Rimini e dimesso con qualche giorni di prognosi. Le tre donne, espletate le formalità di rito, sono state dichiarate in arresto e tradotte nella casa circondariale di Forlì. Mercoledì mattina il giudice ha convalidato l’arresto. Per la prima arrestata sono stati disposti gli arresti domiciliari, la seconda rimessa in libertà e la terza tradotta in carcere, in attesa del processo.

"L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Rimini rimane alta e costante sull’intera giurisdizione di competenza in considerazione del fatto che il fenomeno dei reati contro il patrimonio registra dati rilevanti che richiedono un’efficace e costante azione di contrasto al fine di rassicurare la cittadinanza ed incrementare la percezione di sicurezza - evidenzia il capitano Sabato Landi, comandante di Compagnia -. Pertanto continueranno con assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei Carabinieri per arginare il fenomeno delittuoso in questione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento