rotate-mobile
Cronaca

Il ladro seriale: "Rubo per fame ma non vado a scippare le anziane"

Secondo arresto nell'arco di una settimana per un 45enne già balzato agli onori delle cronache riminesi, questa volta sorpreso a scassinare i distributori automatici in una scuola

Nuovo arresto, nell'arco di una settimana, per un 45enne già balzato agli onori delle cronache riminesi e questa volta finito in manette dopo essere stato sorpreso a scassinare un distributore automatico di merendine in una scuola di Riccione. Il ladro seriale è stato sorpreso dai militari dell'Arma in un istituto di viale Einaudi con le mani nel sacco e, gli inquirenti, sospettano sia l'autore di altri colpi simili avvenuti nei giorni scorsi sia nelle scuole riccionesi che in quelle riminesi. Il 45enne era già finito nei guai lo scorso 5 dicembre quando era stato arrestato dalla polzia di Stato. Quella notte l'uomo aveva messo a segno una spaccata in una farmacia di San Giuliano e, poco dopo, era stato catturato in un esercizio commerciale di via Flaminia dove era riuscito ad entrare dopo aver frantumato la vetrina con un martello. Processato per direttissima il 6 dicembre, difeso dall'avvocato Mara Bollini il 45enne aveva dichiarato al giudice: "Chiedo scusa, so d'aver fatto una sciocchezza. Ma sono venuto in Riviera a fare la stagione estiva. Da settembre non lavoro, non prendo il reddito di cittadinanza, dono divorziato ed ho una figlia cui pensare". In quella occasione il magistrato aveva convalidato l'arresto per poi liberarlo senza nessun obbligo in attesa dell'udienza successiva. Questa volta l'uomo ha rincarato la dose spiegando che "Rubo per fame e non voglio andare a scippare le anziane per strada". Alla luce di quanto emerso il giudice ha nuovamente convalidato il fermo e disposto l'obbligo di firma per tre giorni alla settimana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ladro seriale: "Rubo per fame ma non vado a scippare le anziane"

RiminiToday è in caricamento