rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Cronaca

"Non sono il ladro seriale, forzato il cambiamonete perchè mi servivano i gettoni per lavare i panni"

Il malvivente, ritenuto l'autore di 15 furti ai danni delle lavanderie automatiche, interrogato dal gip rigetta tutte le accuse che gli vengono mosse

Nonostante l'arresto in flagranza e i video delle telecamere di sorveglianza che lo hanno immortalato all'interno delle attività svaligiate, il ladro seriale che prendeva di mira le lavanderie a gettone di tutta Rimini ha rigettato con forza ogni accusa. Il 30enne, già noto alle forze dell'ordine e sottoposto alla misura cautelare dell'obbligo di firma, finito in manette mercoledì mattina nella giornata di giovedì è comparso davanti al gip per la convalida del fermo. Al magistrato il giovane ha sostenuto di non essere lui il ladro seriale e che, quando lo hanno arrestato alle 6.30 in una lavanderia automatica di via della Fiera, "ho scassinato la gettoniera perchè mi servivano i gettoni per lavare i miei indumenti". Quando gli è stato contestato il possesso di arnesi da scassi, invece, il 30enne ha spiegato che "faccio alcuni lavoretti di manutenzione in nero e, quelli, erano i miei attrezzi". Il giudice ha quindi convalidato il fermo e disposto nei suoi confronti la misura cautelare dell'obbligo di dimora a Rimini, la firma quotidiana presso le forze dell'ordine e il divieto di uscire dalla sua abitazione nelle ore notturne in attesa della prossima udienza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non sono il ladro seriale, forzato il cambiamonete perchè mi servivano i gettoni per lavare i panni"

RiminiToday è in caricamento