Lancia tavolini e bicchieri in preda a delirio per alcol e droghe: due poliziotti leggermente feriti

Nelle prime ore del pomeriggio di venerdì gli Agenti della Stazione Polfer di Rimini, hanno tratto in arresto un cittadino extracomunitario

Arrestato per resistenza, violenza, minaccia, oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni personali, detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e danneggiamento. Si tratta di un cittadino marocchino, ubriaco e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti che in stazione a Rimini nei pressi del bar "Otto e mezzo", in pieno giorno, ha fatto letteralmente volare un tavolino con le consumazioni.

Nelle prime ore del pomeriggio di venerdì gli Agenti della Stazione Polfer di Rimini, hanno tratto in arresto un cittadino extracomunitario, di 25 anni, nato in Marocco, in Italia senza fissa dimora, per resistenza, violenza, minaccia, oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni personali, detenzione di stanze stupefacenti ai fini di spaccio e danneggiamento. Intorno alle ore 13.30, nella veranda del bar antistante la stazione ferroviaria di Rimini, il soggetto stava dando segni di squilibrio, tirava all'aria i tavolini con le consumazioni ferendo una cameriera del locale. All'interno dell'esercizio commerciale c'erano due agenti di Polizia della locale Polfer che stavano effettuando un servizio di controllo ed hanno avvicinato il ragazzo era in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuta presumibilmente all'assunzione di alcool e di sostanze stupefacenti.

Appena gli operatori della Polfer si sono avvicinati, il cittadino straniero è scappato verso mare, immediatamente raggiunto dagli agenti ha iniziato ad imprecare, scagliandosi violentemente contro di loro, riuscendo a colpire con vari calci e pugni i poliziotti. Con l'ausilio di altro personale di Polizia subito intervenuto, alla fine gli agenti sono riusciti ad ammanettarlo, seppur con molta fatica, e lo hanno quindi accompagnato in ufficio dichiarandolo in arresto. Successivamente, si è reso necessario l'intervento del locale 118 con trasporto presso il pronto soccorso perché in ufficio l'uomo ha iniziato a dare testate contro i muri procurandosi delle lesioni, inoltre, al fine di accertarne l'esatta identità, poiché sprovvisto di documenti idonei, è stato sottoposto a rilievi fotosegnaletici. A causa delle sue intemperanze, due operatori Polfer, dopo la colluttazione, hanno riportato contusioni con prognosi di giorni 5 ciascuno. Nella mattinata odierna il soggetto è stato portato in tribunale per la direttissima.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento