Riccione, darsena di ponente: i lavori partiranno in autunno

Lo ha riferito l'assessore al Demanio Carlo Conti in risposta all'interpellanza presentata dalla consigliera Cinzia Bauzone in merito alle operazioni di dragaggio del porto

FOTO DI REPERTORIO

Partiranno invece tra ottobre e novembre i lavori di completamento dell’escavazione della darsena di ponente. Lo ha riferito l’assessore al Demanio Carlo Conti in risposta all’interpellanza presentata dalla consigliera Cinzia Bauzone in merito alle operazioni di dragaggio del porto. Per quanto riguarda gli interventi di dragaggio effettuati alle darsene di ponente e di levante e al porto canale, l’ultimo antecedente al 2014, anno di insediamento di questa Amministrazione, risale al 2009, ad eccezione dell’intervento al canale portuale nel 2013.

Per quanto riguarda la grave situazione di tutto lo specchio acqueo portuale, ha spiegato l’assessore Conti, la Giunta con un finanziamento di parte straordinaria 2015 di 100.000 euro ha dato mandato a Geat di effettuare un dragaggio straordinario dall’imboccatura del porto canale fino al ponte della ferrovia e della darsena di levante, dalla fine dello scorso anno ai primi mesi del 2015.

Alle osservazioni della consigliera, secondo la quale "non sarebbero stati eseguiti interventi recenti per consentire l’ingresso in porto delle imbarcazioni", l’assessore ha sottolineato "che questo si occlude per via naturale a seguito della sedimentazione dei materiali sabbiosi trasportati durante le mareggiate per effetto della movimentazione generata dalla corrente del fondo. Per questo motivo, si tratta di un tratto sul quale tutto l’anno si interviene con escavazioni costanti, da qui la presenza della draga".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nessuna produzione di materiale di scarto, che riversandosi in mare intorpidisce le acque causando cattivi odori", ha concluso l’assessore Conti. Il materiale di escavo viene immerso in mare in aree precedentemete individuate e autorizzate dalla regione, ad 11 chilometri dalla costa in direzione sud.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento