Lavori di messa in sicurezza di via del Carro a Misano Adriatico

Saranno realizzati nuovi marciapiedi, nuova segnaletica orizzontale e verticale, verranno messi in sicurezza gli incroci e si procederà alla realizzazione di una nuova asfaltatura

Mercoledì mattina sono partiti i lavori di messa in sicurezza di via del Carro in località Cella Simbeni. Il tratto stradale interessato dai lavori è di circa 500 metri; saranno realizzati nuovi marciapiedi, nuova segnaletica orizzontale e verticale, verranno messi in sicurezza gli incroci e si procederà alla realizzazione di una nuova asfaltatura. I lavori sono necessari in quanto la via del Carro è una arteria provinciale di grande traffico che collega la Statale 16 con l’entroterra ed ha una sede carrabile, in particolare nell’abitato di Cella Simbeni, molto stretta e pericolosa. La via del Carro inoltre è la viabilità principale di accesso al circuito di Santamonica,  e soprattutto in occasione di grandi eventi che interessano l’autodromo, quali per esempio la MotoGP e la Superbike, essa è impegnata da flussi di traffico importanti in direzione Valconca e casello A14 di San Giovanni. I lavori sono stati appaltati all’azienda Mattei di Verucchio e termineranno entro 4 mesi. L’intervento s’inserisce all’interno di un’attività più ampia di messa in sicurezza di Via del Carro che vedrà nei prossimi giorni il completamento della pista ciclabile che collega il quartiere di Belvedere con l’ex convento e la realizzazione della nuova rotatoria posta all’incrocio con via del cimitero.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

Torna su
RiminiToday è in caricamento