Le biblioteche di Rimini diventano digitali

A Rimini e in Romagna le Biblioteche divengono digitali. Se ne parlerà sabato 21 gennaio, a partire dalle ore 10, nella suggestiva Sala del Settecento della Biblioteca Gambalunga

 

A Rimini e in Romagna le Biblioteche divengono digitali. Se ne parlerà sabato 21 gennaio, a partire dalle ore 10, nella suggestiva Sala del Settecento della Biblioteca Gambalunga, scelta come luogo simbolo della secolare storia della cultura fondata sul libro, ma non di meno del costitutivo fondarsi delle biblioteche sulla capacità di accogliere le diverse forme attraverso cui il sapere si è espresso e trasmesso: dai codici manoscritti ai libri a stampa; dalla rivoluzione gutenberghiana a quella Internet.

 

D’ora in avanti gli utenti delle biblioteche romagnole potranno accedere a un immenso archivio di oggetti digitali (audio, video, e-book, audiolibri, banche dati, quotidiani e periodici, oggetti di e-learning, collezioni iconografiche). Da segnalarsi la riproduzione digitale di circa 1.500 riviste da 80 paesi in 40 lingue, fra cui i quotidiani online:  “Corriere della Sera”, “Gazzetta dello Sport”, “Alfabeta”, “ La Repubblica”,  oltre circa 50.000 album musicali in streaming, appartenenti a tutti i generi musicali e 500 video di opera e danza.  In ambito musicale, grazie al servizio MP3 download, sarà scaricabile  una collezione di 300.000 album musicali (3.500.000 tracce musicali), incluso il catalogo completo Sony, che copre circa il 40% del mercato musicale italiano (tutti i generi).  Ciò significa che  ogni utente delle biblioteche romagnole potrà scaricare gratuitamente 3 tracce musicali alla settimana  (12 in un mese, 144 in un anno) e conservarle nei propri dispositivi di riproduzione personali.

 

Grazie alla cooperazione interbibliotecaria, le risorse informative messe a disposizione del nostro territorio aumenteranno dunque sensibilmente. Gli utenti potranno contare su uno strumento molto potente, in continua evoluzione, che permette di  soddisfare le necessità di molti: dai giovani agli adulti, dai curiosi ai professionisti, ma non solo.  Fra le novità che verranno presentate durante la mattinata, vi sarà infatti anche l’evoluzione del nuovo catalogo, che permetterà il diretto accesso, tramite le credenziali utenti della biblioteca,  alle più complete banche dati multidisciplinari on line  disponibili.

 

L’incontro, promosso in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Rimini,  rappresenterà la prima occasione per mostrare ai cittadini  le nuove risorse che le biblioteche aderenti alla Rete Bibliotecaria di Romagna, di cui fanno parte oltre alla Biblioteca Gambalunga anche le altre biblioteche comunali della provincia,  mettono a disposizione attraverso l’accesso alla piattaforma MediaLibraryOnLine. Questo grazie agli investimenti delle Province di Rimini, Ravenna, Forlì e Cesena, coordinatrici della Rete.  

Dalle radici di carta al mondo digitale.  Testimoni e commentatori di questo passaggio, presentato da Andrea Bondi e Valentina Ginepri ( Servizio bibliotecario di Ravenna), saranno l’editore Mario Guaraldi,  che interverrà su  Radici  di carta, foglie  digitali. Come si trasmette di generazione in generazione la linfa della cultura e lo scrittore Piero Meldini,  già direttore della Biblioteca Gambalunga dagli anni Settanta alla fine degli anni Novanta, che proporrà  Memorie di carta di un bibliotecario scrittore.

 

Infine, da leggersi nel segno di un auspicabile impiego umanistico della tecnologia, verranno virtualmente “ascoltate”  le voci degli altri protagonisti della rivoluzione in corso: i lettori. E ciò avverrà attraverso la distribuzione ai partecipanti del taccuino La Biblioteca è anche… i libri che leggiamo,  raccolta delle esperienze dei tre Gruppi di lettura della Biblioteca Gambalunga, pubblicato in occasione della rassegna 2011 “Biblioterapia. Come curarsi (o ammalarsi) coi libri”, disponibile anche nella versione e-book:  https://www.bibliotecagambalunga.it/

 

In occasione dell’incontro verranno messi a disposizione una decina di  e-book reader di vari modelli (che rimarranno disponibili per il pubblico per una decina di giorni) al fine di poter sperimentare lo scarico degli e-book.

Ingresso libero e gratuito

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento