Lega Consumatori, "Nel decreto Cura Italia sospensione dei mutui e indennizzo ai risparmiatori"

L'associazione fa il punto sul provvedimento e chiarisce tempi e modalità per le richieste

All’interno del decreto “Cura Italia”, spiega la Lega Consumatori di Rimini, sono previsti provvedimenti di sostegno alle famiglie riguardanti la sospensione dei mutui e l’indennizzo ai risparmiatori. Uno di questi provvedimenti è infatti lo stop ai mutui prima casa (fino a 250mila euro), e in particolare la sospensione del pagamento dei ratei dei mutui per immobili residenziali e per i lavoratori che subiscano la sospensione dal lavoro o la riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni.

 

Il decreto estende per soli 9 mesi tale possibilità anche ai lavoratori autonomi e partite IVA, purché autocertifichino, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, un calo superiore al 33% del fatturato dell'ultimo trimestre 2019 a causa della chiusura o della restrizione della propria attività per l'emergenza. La novità, rispetto alla normativa ordinaria, è che non sarà più necessario il requisito della presentazione dell’ISEE. Ovviamente, il mutuo sarà prorogato per un periodo pari a quello della sospensione. Per poterlo richiedere è necessario rivolgersi alla Banca erogatrice.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro provvedimento riguarda gli azionisti e obbligazionisti subordinati di Banca Etruria, Banca delle Marche, Cassa di Risparmio di Ferrara, Cassa di Risparmio di Chieti, Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, oltre che per gli azionisti di alcune banche di credito cooperativo (Banca Padovana, Bcc di Pelaco, Banca Popolare delle Province Calabre, BCC Banca Brutia e Credito Cooperativo Interprovinciale Veneto ecc.). Infatti è stato previsto uno slittamento del termine che dal 18 aprile 2020 è passato al 18 giugno 2020 per la presentazione della domanda di indennizzo. Si prevede inoltre che a questi ultimi, in attesa della predisposizione del piano di riparto, potrà essere corrisposto un anticipo nel limite massimo del 40 per cento dell'importo dell'indennizzo deliberato dalla Commissione tecnica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento