Lite in condominio per una palla troppo rumorosa

Accesa lite di condominio, giovedì pomeriggio verso le 15.45 nella zona di San Giuliano, tra una famiglia riminese e una camerunese tanto che, per placare gli animi, è dovuta intervenire la polizia

Accesa lite di condominio, giovedì pomeriggio verso le 15.45 nella zona di San Giuliano, tra una famiglia riminese e una camerunese tanto che, per placare gli animi, è dovuta intervenire la polizia. Ad accendere i toni è stato il figlio dei camerunesi, un bambino di 7 anni, che col pallone aveva iniziato a giocare in casa. I tonfi hanno infastidito parecchio i vicini tante che, la moglie, si è presentata alla porta dei camerunesi per chiedere che facessero smettere il bambino.

Per tutta risposta, la madre del piccolo ha ribattuto che il figlio era abituato a giocare in casa e che il rumore non poteva infastidire i vicini per poi sbattere la porta in faccia alla donna. Il rumore, come per dispetto, è ricominciato ancora più forte e, a questo punto, è intervenuto il marito per far smettere il fracasso. Anche questa volta la camerunese ha rigettato le accuse e, insieme a un’amica che si trovava in casa con lei, avrebbe aggredito l’uomo. Vista la situazione è stato richiesto l’intervento di una Volante con gli agenti che, dopo aver calmato i litiganti, hanno accertato come l’uomo presentasse segni di percosse e lo hanno invitato a sporgere querela.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento