Lo sfogo di un lettore: "Noi riminesi figli di una viabilità minore"

Dopo la fine dell'allerta neve e ghiaccio alcune zone di Rimini devono ancora vedere passare spazzaneve e spargisale

"Quando tutto va bene il Comune di Rimini incita i propri cittadini a non usare l'auto e, allo stesso tempo, celebra il costante aumento delle piste ciclabili peccato che, appena il meteo accenna a remare contro, tutto crolla come un castello di carte e, molti residenti, si accorgono di diventare figli di una viabilità minore". A sfogarsi è un lettore di RiminiToday, residente a Marina Centro, che nonostante la fine dell'emergenza neve e gelo deve ancora fare i conti con strade ghiacciate che non hanno mai visto il passaggio di spazzaneve e spargisale. "Posso capire che le priorità vadano alle strade principali - spiega - ma che dopo tre giorni in quelle secondarie non si sia visto nemmeno un granello di sale questo proprio non va bene. Allo stesso tempo, ci invitano a usare le piste ciclabili ma, nel parco "Cervi", il ghiaccio la fa da padrone e affrontare, anche a piedi, il famigerato ponte che scavalca via Roma vuol dire fare una roulette russa mettendo in gioco ossa e legamenti. Che ci siano delle priorità è ovvio ma che, comunque, non si tenga conto anche delle piccolezze questo è proprio inaccettabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento