Lo spacciatore arrestato "dimentica" la droga sui sedili della Volante

Nuovo arresto di un pusher nella zona di Borgo Marina da parte degli agenti della polizia di Stato

Nuova retata di pusher nella zona di Borgo Marina da parte degli agenti della polizia di Stato dopo che i cittadini, esasperati, hanno denunciato la situazione di degrado nel quartiere anche attraverso l'applicazione YouPol. Tutto è iniziato nella tarda mattinata di domenica quando una pattuglia delle Volanti, nel transitare lungo corso Papa Giovanni XXIII ha notato tre giovani all'esterno di un bar. Visto il fare sospetto, gli agenti hanno deciso di fermarsi ma appena scesi dall'auto di servizio uno di questi, in sella a una bici, si è allontanato in tutta fretta. Identificati i due rimasti, un 31enne di Cosenza e un 28enne tunisino quest'ultimo già noto alle forze dell'ordine e clandestino in Italia, il calabrese ha candidamente spiegato di essere nel locale per acquistare della droga e di essersi rivolto al nordafricano per concludere l'affare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Entrambi sono stati caricati sulla Volante e portati in Questura ma, durante il tragitto, il personale della polizia di Stato si è accorto che il tunisino ha estratto dagli slip un involucro sospetto nascondendolo tra i sedili facendo cenno all'italiano di non parlare. Fatti scendere e portati negli uffici di corso d'Augusto, un controllo della Volante ha permesso di recuperare la bustina contenente due pezzi di hashish e di marijuana, mentre a seguito di perquisizione personale effettuata all'interno degli Uffici di Polizia veniva rinvenuto all'interno di una tasca dei pantaloni del tunisino, ulteriori dosi di hashish e marijuana, una banconota e un cellulare di dubbia provenienza. Il cosentino è stato segnalato in Prefettura come assuntore mentre, il tunisino, è stato arrestato per spaccio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Test sierologico gratuito, ecco le farmacie della provincia di Rimini che aderiscono

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento