Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Riccione

Lo spacciatore si ribella all'arresto e prende a testate i carabinieri

Per il pusher è stata fatale la consegna di stupefacente a un acquirente che lo attendeva lungo la strada, lo straniero era appena arrivato in Italia con un visto turistico

Era arrivato in Italia da pochissimi giorni con un visto turistico ma, invece di trascorrere le vacanze, un albanese poco più che 18enne si era subito messo a lavorare come spacciatore lungo le strade di Riccione. Per lo straniero, tuttavia, le cose si sono messe subito male e, dopo appena 3 giorni, è stato arrestato dai carabinieri della Perla Verde. Per il giovane pusher è stata fatale l'ultima consegna a domicilio, avvenuta nella serata di lunedì, che gli è costata le manette. Il 18enne, in sella a una bici, è stato notato verso le 18.30 da una pattuglia dell'Arma in via Piacenza mentre si dirigeva verso un'auto in sosta. A bordo della vettura i carabinieri hanno riconosciuto un soggetto già noto per problemi legati agli stupefacenti col 18enne che è entrato nell'abitacolo e, dopo aver confabulato col guidatore, gli ha allungato un involucro sospetto per poi allontanarsi in tutta fretta.

I militari dell'Arma hanno inseguito lo straniero per poi fermarlo per un controllo e, l'albanese, alla vista delle divise ha gettato a terra un involucro contenente della droga che è stato poi recuperato e sequestrato e ha opposto una strenua resistenza prendendo a testate un militare. Il ragazzo è stato bloccato e ammanettato e, nel corso della perquisizione, trovato in possesso di 435 euro ritenuti il provento delle precedenti cessioni. Arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, il 18enne è stato portato in caserma e dopo una notte in camera di sicurezza è stato processato per direttissima difeso dall'avvocato Giuliano Renzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo spacciatore si ribella all'arresto e prende a testate i carabinieri
RiminiToday è in caricamento