Lo spacciatore tradito dal nervosismo e dal fiuto dei cani poliziotto

Senegalese 30enne arrestato dagli agenti appena arrivati a Rimini col treno, nelle sue tasche hashish ed eroina

Nella tarda serata di venerdì il personale della polizia di Stato, in servizio antidroga nei pressi della stazione ferroviaria di Rimini, ha arrestato uno spacciatore appena arrivato in città col treno. Verso le 23, secondo quanto emerso, gli agenti della pattuglia a cavallo e dell'unità Cinofila, avevano notato tre giovani che, da piazzale Battisti, cercavano di evitare i controlli nascondendosi dietro un cartellone pubblicitario. Appena il poliziotto a quattrozampe si è avvicinato a loro, uno di questi ha cercato di disfarsi di un involucro ma il fiuto del cane antidroga ha avuto la meglio e gli agenti lo hanno recuperato. Al suo interno diverse dosi di stupefacenti, eroina e marijuana, ma, nonostante questo il quattrozampe ha continuato a "puntare" il giovane che, nelle parti intime, nascondeva dell'ulteriore droga. Ammanettato e portato in Questura con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio, è risultato essere un senegalese 30enne il quale, dopo le pratiche di rito, è stato trasferito nel carcere riminese dei "Casetti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento