menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lotta all'abbandono dei rifiuti: Misano alza il livello di controllo

Attraverso un approccio integrato tra le varie problematiche presenti in città, il piano prevede un contrasto più incisivo da parte della Polizia Locale contro i reati ambientali e l’abbandono abusivo dei rifiuti

L’Ufficio Ambiente del Comune di Misano, in accordo con la Polizia del Corpo Intercomunale, ha messo in campo nuove strategie per una lotta sempre più serrata all’abbandono dei rifiuti e al loro conferimento inappropriato. Nello specifico è stato elaborato un progetto operativo che rientra nel piano di azione finalizzato a costruire strategie concrete sul tema della sicurezza urbana. Attraverso un approccio integrato tra le varie problematiche presenti in città, il piano prevede un contrasto più incisivo da parte della Polizia Locale contro i reati ambientali e l’abbandono abusivo dei rifiuti.

"Come amministrazione comunale - spiegano il sindaco Fabrizio Piccioni e l’assessore all’Ambiente Nicola Schivardi – abbiamo chiesto un controllo rigido e serrato su questi fenomeni di inciviltà. E’ una lotta che ci vede impegnati in prima linea e su cui non vogliamo transigere. Non è possibile assistere ancora oggi a comportamenti di questo genere, da parte di chi non ha cura dell’ambiente in cui viviamo".

Si assiste quotidianamente, nel territorio del Corpo intercomunale, ad un aumento del fenomeno dell’abbandono generalizzato di rifiuti, anche pericolosi, lungo alcune strade cittadine. Il monitoraggio dell’abbandono nelle diverse zone della città ha evidenziato due problematiche principali. La prima riguarda l’abbandono dei rifiuti lasciati a terra accanto ai cestini pubblici o al di fuori di abitazioni e condomini. Questo fenomeno è stato osservato soprattutto nelle zone centrali e turistiche della città. La seconda problematica monitorata riguarda i rifiuti abbandonati nei terreni e lungo le strade della periferia cittadina.

I rifiuti, tra cui quelli che rientrano nella categoria “pericolosi” e “speciali”, vengono abbandonati lungo le strade o ammassati ai margini dei terreni sia pubblici che privati. La Polizia Locale ha avviato servizi di controllo del territorio finalizzati al contrasto dell’abbandono illecito dei rifiuti e alla vigilanza in merito al corretto conferimento, anche attraverso sistemi di videosorveglianza mobili. Gli interventi del personale operante sono finalizzati non solo al contrasto di comportamenti illeciti, sia amministrativi che penali, ma anche alla prevenzione degli stessi.

Gli illeciti amministrativi previsti per la violazione al regolamento comunale di gestione dei rifiuti comportano una sanzione fino a euro 516 euro, mentre le ipotesi più gravi sono punite con pene quali l’arresto da tre mesi a un anno e un’ammenda da 2.600 a 26mila euro. "Siamo in un periodo di potature - aggiungono sindaco e assessore -, ricordiamo che per le ramaglie si possono utilizzare i cassonetti presenti sul territorio comunale e che per i quantitativi più importanti è sempre possibile chiamare il numero verde di Hera per il ritiro a domicilio, anche dei rifiuti domestici ingombranti. In alternativa il Centro Ambiente di Santa Monica, che ha ampliato i propri orari di apertura, è sempre disponibile per il ritiro di tutti i tipi di rifiuti. Non c’è motivo, dunque, di abbandonarli in giro". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Rimini è pronta a sbocciare con ventimila fiori, tra natura e bellezza

Sicurezza

Aceto per le pulizie di casa? Ecco come usarlo

Attualità

Ciclismo, il "Giro di Romagna per Dante Alighieri" fa tappa nel riminese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento