Lotta alle truffe: l'Arma incontra i pensionati di Confartigianato

L’incontro si inquadra nell’ambito più ampio della campagna informativa che i Carabinieri di Rimini stanno conducendo in tutta la provincia, programmando una serie di incontri nei centri che vedono maggiormente coinvolti i meno giovani: circoli ricreativi e parrocchie.

Si è discusso di truffe nell'incontro di venerdì organizzato da Confartigianato Rimini alla presenza dei soci Anap, l’associazione che riunisce gli artigiani in pensione. Sono intervenuti all'incontro il presidente di Anap Confartigianato Rimini Loris Pellicioni, una rappresentanza di imprenditrici di Confartigianato Donne Impresa con la Vice Presidente Elena Morosetti e la coordinatrice dei due movimenti Francesca Casadei. Ospite in Confartigianato il capitano Ferruccio Nardacci, che ha spiegato all’assemblea gli strumenti utili contro i malintenzionati. Lo scopo dell’incontro è stato principalmente quello di informare per prevenire il più possibile e portare a conoscenza le varie modalità di truffe, fornendo una serie di accorgimenti per evitare ai cittadini più deboli di rimanere vittime di raggiri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio gli anziani, infatti, sembrano essere gli obiettivi preferiti di spregevoli truffatori, che molto spesso approfittando della loro buona fede e millantando la conoscenza di amici e parenti, rappresentano il loro coinvolgimento in fittizi incidenti, accaparrandosi i loro risparmi. Condotte criminose, che hanno ripercussioni rilevanti non solo dal punto di vista economico, ma anche e soprattutto dal punto di vista psicologico, minando la loro sicurezza e la loro tranquillità. Uno solo il consiglio principale: diffidenza verso tutti e tutto, anche verso coloro che sembrano indossare un’uniforme o che si qualificano come appartenenti alle forze dell’ordine, rivolgendosi sempre con assoluta tranquillità all’utenza di emergenza 112, per segnalare circostanze o persone ritenute sospette. L’incontro si inquadra nell’ambito più ampio della campagna informativa che i Carabinieri di Rimini stanno conducendo in tutta la provincia, programmando una serie di incontri nei centri che vedono maggiormente coinvolti i meno giovani: circoli ricreativi e parrocchie. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento