Cronaca

Lupo seviziato, gli inquirenti sulle tracce anche di un complice

Sarebbero state almeno due le persone che hanno partecipato alla barbara uccisione dell'animale poi "esposto" alla fermata dell'autobus

Proseguono serrate le indagini dei carabinieri Forestali che, da sabato scorso, stanno cercando di fare luce sulla barbara uccisione di un esemplare di lupo grigio poi "esposto" appeso alla fermata dell'autobus a Ospedaletto. Gli inquirenti sospettano che siano almeno due le persone coinvolte, se non nell'aver massacrato il povero animale, almeno per organizzare la macabra messa in scena del ritrovamento. Difficilmente, infatti, una sola persona avrebbe potuto appenderlo in quella maniera. Sull'uccisione, invece, gli inquirenti stanno puntando il mirino sugli allevatori della zona che, da tempo, non sopportano la difficile convivenza tra gli animali da loro allevati e i predatori selvatici che fanno incursione tra stalle, pollai e pascoli. Dalle prime indicazioni, il povero lupo sembrerebbe essere stato preso in gabbia e, successivamente, massacrato a colpi di bastone o badile e forcone per poi appenderlo esanime alla fermata dove è stato ritrovato.

Orrore alla fermata del bus

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lupo seviziato, gli inquirenti sulle tracce anche di un complice

RiminiToday è in caricamento