rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Cronaca

La maga della truffa scappa dalla vacanza a scrocco a Rimini pagando con gli assegni rubati

Dopo aver soggiornato in un hotel senza pagare ha tentato di raggirare per la seconda volta l'autista di un noleggio con conducente rifilandogli i titoli di credito fraudolenti

Il rientro dalle vacanze a scrocco è costato le manette a una truffatrice che ha cercato di rifilare per la seconda volta di fila un assegno rubato all'autista che avrebbe dovuto riportarla a casa. A finire in manette è stata una 67enne originaria di MIlano e già nota alle forze dell'ordine. La donna, secondo quanto emerso, ai primi dello scorso novembre si trovava a Rimini e aveva contattato un servizio di noleggio auto con conducente per ritornare in Lombardia pagando poi l'autista con un assegno risultato rubato. Lo scorso 21 dicembre la 67enne era tornata a farsi viva con la stessa azienda chiedendo lo stesso tipo di servizio. Uno dei collaboratori della società, ricordando quello che era successo un mese prima, ha così allertato i carabinieri di Riccione temendo che potesse essere la stessa persona che li aveva truffati a novembre. All'appuntamento fissato con l'autista, quindi, si sono presentati anche i militari dell'Arma che insospettiti dai diversi cognomi dichiarati dalla donna hanno deciso di effettuare degli approfondimenti.

Oltre ad accertare la reale identità della 67enne, i carabinieri hanno scoperto che l'assegno da 550 euro consegnato all'autista dell'auto per essere riportata a Milano faceva parte di un carnet il cui furto era stato denunciato lo scorso novembre. Non solo: ad aprire il conto corrente postale il cui saldo era zero era stata la stessa 67enne, utilizzando un cognome diverso, per poi presentarsi alla Questura di Rimini e denunciarne il furto sempre usando una falsa identità. La donna, oltretutto, aveva dichiarato di essere alloggiata in un albergo riminese e solo quando i carabinieri si sono presentati nella struttura i responsabili si sono accorti che la donna era scappata senza pagare il conto. La truffatrice è stata quindi arrestata e, dopo una notte in camera di sicurezza, su disposizione del pubblico ministero è stata denunciata a piede libero e rilasciata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maga della truffa scappa dalla vacanza a scrocco a Rimini pagando con gli assegni rubati

RiminiToday è in caricamento