Manifestazione no vax, Burioni: "Sono come chi abbandona i cani, sono persone abominevoli"

"Questi genitori non vaccinando mettono in pericolo la vita dei loro figli e quella degli altri, rischiando di causarne la morte"

Il virologo riminese Roberto Burioni, esperto internazionale, torna all'attacco contro i no vax per la manifestazione che terranno sabato alle 17.30 in piazza Cavour a Rimini, dove rivendicheranno la libertà della scelta vaccinale. In un lungo post sul suo profilo facebook il medico non usa mezze parole e va dritto al punto paragonandoli a chi abbandona i cani in autostrada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci sono persone che, in questi giorni, abbandonano il loro cane in autostrada. Sono persone incivili, perché non solo si comportano in maniera abominevole con il loro cane; ma mettono anche in pericolo tutti gli altri, perché quel cane potrebbe provocare pure un incidente stradale causando la morte di innocenti. Ci sono persone che, in questi giorni, non vaccinano i figli senza alcun motivo valido, solo in nome della loro ignoranza e del loro egoismo. Sono persone incivili perché non solo si comportano in maniera abominevole con il loro figlio, che dovrebbero proteggere e difendere; ma mettono anche in pericolo tutti gli altri perché il loro figlio, contraendo malattie evitabili con il vaccino, può infettare altre persone causando anche in questo caso la morte di innocenti. La differenza tra i due è solo una. Chi abbandona il cane in autostrada lo fa di nascosto; quelli che non vaccinano i figli vanno orgogliosi della loro ignoranza e della loro incoscienza e domani pomeriggio - sabato 29 - li vedrete girare per Rimini con le loro magliette arancioni in occasione della loro manifestazione “per la libertà di scelta”. Vogliono essere liberi di mettere in pericolo la vita dei loro figli e dei figli degli altri. Bel concetto di libertà. In ogni caso il risultato di questa “libertà” concessa ai genitori è una bambina con il tetano (cosa incredibile nel 2019) che giace tra la vita e la morte con un tubo in gola in rianimazione a Verona. Voi pensate che a un genitore debba essere concessa la libertà di mettere in pericolo la vita di suo figlio? Io penso di no".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spot choc a danno della Riviera per promuovere la Calabria, rispetto al nord a rischio Covid

  • Suv tira dritto alla rotatoria, mamma e figlio in scooter centrati in pieno

  • Tragedia sulle strade, militare di stanza a Rimini perde la vita con la figlia 13enne

  • Movida senza mascherine, nei guai diversi locali: multati anche baristi e clienti

  • Malore fatale in mare, turista perde la vita sulla battigia

  • Fiamme nel condominio, i residenti evacuati dai vigili del fuoco

Torna su
RiminiToday è in caricamento