Manodopera clandestina e lavoro "nero", nei guai imprenditore

Blitz dei Carabinieri di Montescudo, del Nucleo Operativo e Radiomobile di Riccione e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Rimini in una ditta di Monte Colombo

Blitz dei Carabinieri di Montescudo, del Nucleo Operativo e Radiomobile di Riccione e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Rimini in una ditta di Monte Colombo. Nel corso dei controlli svolti mercoledì scorso in collaborazione con l’Ausl, i militari hanno sequestrato 29 telefoni I-Phone rigenerati e scovato un lavoratore clandestino ed un operaio in “nero”. Sanzioni per un importo di 24.700 euro, oltre al recupero di contributi sociali obbligatori per 20mila euro.

A conclusione dell’attività, gli uomini dell’Arma hanno denunciato a piede libero il titolare dell’impresa, un trentacinquenne del posto, con l’accusa di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi e occupazione di lavoratore straniero privo di permesso di soggiorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento