rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Mareggiate in arrivo, Fondazione Cetacea lancia l'allerta per possibili tartarughe spiaggiate

Primavere anticipate seguite da sbalzi termici mettono in difficoltà le testuggini che rischiano la vita a causa di una sindrome chiamata cold stunning se non vengono immediatamente soccorse

Giorni difficili per le tartarughe marine: continuano i ricoveri al Centro di Recupero di Fondazione Cetacea a seguito di catture accidentali in reti a strascico (3 solo nell’ultima settimana) ma le prossime 48 ore potrebbero essere critiche. Infatti l’abbassamento della temperatura degli ultimi giorni e le mareggiate previste nel weekend potrebbero causare numerosi spiaggiamenti lungo le nostre coste di esemplari in difficoltà, debilitati e in ipotermia. Un fenomeno che si presenta con regolarità ormai da anni: le tartarughe soprattutto di piccole dimensioni, ingannate dalla primavera ormai sempre più precoce, vengono sorprese dall’improvviso sbalzo termico e rischiano la vita a causa di una sindrome chiamata cold stunning, che ne causa la morte se non si interviene immediatamente con il recupero e l’ospedalizzazione presso un Centro di Recupero Cura e Riabilitazione. Nel marzo 2018, per esempio erano stati circa 20 i recuperi in pochi giorni, di tartarughe di piccole e piccolissime dimensioni lungo le coste emiliano romagnole e marchigiane, a seguito delle perturbazione Burian. Essendo previsto per il fine settimana del 20 e 21 marzo un grosso abbassamento delle temperature e mareggiate lungo tutto il litorale emiliano romagnolo e marchigiano Fondazione Cetacea avvisa quanti si troveranno a percorrere le nostre spiagge, secondo le regole vigenti che permettono attività sportiva e fisica all’aperto, di controllare la presenza di esemplari vivi o morti e, in caso di ritrovamenti, di contattare immediatamente la Guardia Costiera di competenza o il numero delle emergenze 334 5688320.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mareggiate in arrivo, Fondazione Cetacea lancia l'allerta per possibili tartarughe spiaggiate

RiminiToday è in caricamento