La direttiva di Salvini non spaventa i venditori di marijuana legale

La stretta del Viminale contestata dalle attività che vendono prodotti a base di cannabis: "Non siamo degli spacciatori"

Dopo il boom in Italia dei negozi di cannabis light, che ha visto in tutte le città un fiorire di attività legate alla vendita di prodotti a base di marijuana, è arrivata la direttiva del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che aveva annunciato "Farò la guerra ai negozi di cannabis light", aggiungendo: "A uno a uno li chiuderemo tutti". In realtà, il documento uscito dal Viminale non prevede chiusure generalizzate, ma sollecita le questure a monitorare i requisiti delle rivendite sotto tutti i punti di vista. Un attento monitoraggio degli shop, una stretta sui controlli, verificando che non siano messe in vendita le "infiorescenze",  in "quantità significative da un punto di vista psicotropo e stupefacente", evidenziando che l'obiettivo è la tutela della salute e dell'ordine pubblico.

A Rimini, che si era guadagnata il secondo posto in Regione per numero di negozi aperti, la nuova direttiva non spaventa più di tanto. "Si parla di maggiori controlli - spiegano dal Pure Weed di via Fano - e tutti i negozi sono regolari. Se non lo fossero, ci saebbe la fila tutti i giorni di gente che acquista la marijuana". "Non vogliamo lo scontro col governo - commenta sulla sua pagina Facebook l'azienda Cbweed Italia che gestisce diverse realtà in Romagna - ma semplicemente sederci a un tavolo e trovare una soluzione condivisa, la migliore, quella che eviti a migliaia (10 mila) giovani e giovanissimi di perdere il posto di lavoro". "Quella di Salvini è una vera e propria presa di posizione quando ha dichiarato che ci farà chiudere - aggiungono dal Cbweed di via Brighenti a Rimini. - Noi non siamo d'accordo su questo perchè non è giusto far abbassare le serrande a delle attività pienamente legali e che non hanno nulla a che fare con lo spaccio di droga. Poi ben vengano i controlli perchè, come abbiamo visto, c'è chi non rispetta le regole e sono questi che vanno puniti. Ritengo che quella di Salvini sia solo propaganda elettorale che fa solo della confusione su un prodotto che, come dimostrano tanti studi, ha un'efficacia terapeutica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento