In coma etilico dopo gli acquisti di superalcolici, il Questore chiude il minimarket

A finire nei guai il titolare bengalese del negozio di Marina Centro che aveva venduto la bottiglia a una 15enne

Una bottiglia di vodka, venduta a una 15enne poi finita in coma etilico, è costata cara a un 41enne bengalese, titolare di un minimarket di Marina Centro a Rimini, che si è visto sospendere la licenza del negozio per 8 giorni dal Questore. Il provvedimento, firmato da Maurizio Improta, è stato notificato allo straniero nella serata di venerdì ed è entrato in vigore da oggi. Lo stesso 41enne, secondo quanto emerso, era già finito nei guai diverse volte per aver violato le normative sulla vendita di alcolici. La stessa ragazzina, una volta ripresasi dal coma etilico, aveva raccontato al personale della polizia di Stato di aver comperato la bottiglia di superalcolico senza che, nessuno nel minimarket, gli avesse chiesto un documento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento