Marocchini scatenati: accoltellamenti e rapine nella zona del Marano

Serie di interventi dei carabinieri durante il fine settimana: in tutto sono stati 7 i nordafricani identificati dai carabinieri di Riccione per vari reati

Boom di reati registrati a Riccione, nel corso del fine settimana, che hanno visto protagonisti alcuni nordafricani poi fermati dai carabinieri della Perla Verde per furti, rapine e accoltellamenti, In tutto, il bilancio dei militari dell'Arma ha visto finire in manette 3 persone e denunciate altre 5 a piede libero. Il primo intervento è stato registrato nella nottata tra sabato e domenica nella zona del Marano dove, una telefonata al 112, ha segnalato la presenza gruppi di ragazzi di origine magrebina che, ubriachi, compivano furti e rapine senza scrupolo. Un primo nordafricano, poi identificato per un marocchino 25enne, è stato pizzicato in flagranza mentre tentava di rubare, in un supermercato di viale Dante, alcuni generi alimentari ed alcolici; bloccato e portato in caserma, è stato denunciato a piede libero per furto aggravato. Sempre nel cuore della notte, i militari sono dovuti tornare nuovamente nella zona del Marano per bloccare 5 individui, 4 dei quali marocchini di cui uno ferito alle braccia da un coltello, accusati di rapina in concorso. A finire in manette sono stati un 48enne salernitano, un 28enne algerino, un 22enne e un 25enne entrambi marocchini. Quest'ultimo era lo stesso nordafricano pizzicato, qualche ora prima, a rubare in un supermercato di viale Dante. Portati anche loro in caserma, mentre il ferito è stato medicato in pronto soccorso, è emerso che il gruppo stava litigando perché non riuscivano a mettersi d’accordo sul modo di spartirsi il bottino messo a segno durante i vari colpi ai danni dei frequentatori dei locali notturni. 

Ennesimo intervento, nella mattinata di domenica, in piazza Dante dove erano stati segnalati dei gruppi di ragazzi, anch'essi nordafricani, che stavano picchiandosi tra loro. La pattuglia del Radiomobile, arrivata sul posto, è riuscita a bloccare e ad ammanettare un 22enne marocchino, clandestino in Italia, che durante la fuga ha cercato di disfarsi di uno zaino. Recuperato e perquisito, nelle disponibilità del giovane i militari dell'Arma hanno scoperto 4 cellulari nascosti sia nello zaino che nelle mutande. Gli accertamenti hanno permesso di scoprire che, i telefonini, erano stati rubati nella nottata tra sabato e domenica ad alcuni turisti. Per il 22enne sono scattate le manette mentre, la refurtiva, è stata riconsegnata ai proprietari. Sempre in mattinata, le pattuglie dell'Arma sono dovute intervenire in viale Ceccarini dove, da alcune boutique, era arrivata la segnalazione di altri maghrebini che entravano nei negozi per accapparrarsi la merce esposta e poi fuggire a gambe levate. I carabinieri sono riusciti a bloccare due componenti della banda, un 25enne e un 22enne entrambi marocchini. Incredibilmente, il 25enne era lo stesso autore dei furti di liquore in un supermercato di viale Dante​ e il partecipante alla rissa per spartirsi il bottino delle rapine. Nei confronti del nordafricano sono quindi scattate le manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento