Matrigna accusata di maltrattamenti nei confronti di una piccola di 5 anni

La donna avrebbe sottoposto la bambina a ogni tipo di angherie, per lei arriva l'avviso di conclusione delle indagini

Avviso di conclusione delle indagini, l'atto che prelude al rinvio a giudizio, per una donna accusata di maltrattamenti nei confronti della figliastra. Lei, un'estetista 37enne, secondo le accuse avrebbe sottoposto la piccola, di appena 5 anni, a una serie di violenze sia corporali che psicologiche. I fatti risalgono a qualche mese fa quando i genitori della bambina si separano e, il padre naturale, allaccia la relazione con la nuova donna. Ed è proprio nei giorni stabiliti dal giudice in cui l'uomo può tenere la piccola che sarebbero avvenute le violenze da parte della nuova matrigna. Schiaffoni, tirate d'orecchie e mutandine sporche strofinate in faccia per punirla di essersela fatta addosso ma, anche, l'obbligo di rimanere immobile in ginocchio e con le braccia sollevate.

Ad accorgersi che qualcosa non andava è stata la madre naturale della piccola che, raccolte le confidenze della bambina, si è precipitata dai carabinieri per sporgere una denuncia. Accuse tutte rigettate dal padre che, a suo dire, sarebbero dovute al forte stress subìto dalla figlia per la separazione. Adesso, tuttavia, in caso di rinvio a giudizio toccherà alla magistratura fare maggiore chiarezza sulla vicenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento